Politica / Regione

Commenta Stampa

Politiche sociali, ass. Russo: "E' il dottor Luigi Di Marco il commissario ad acta del Comune di Napoli"


Politiche sociali, ass. Russo: 'E' il dottor Luigi Di Marco il commissario ad acta del Comune di Napoli'
27/05/2011, 15:05

“Il commissario ad acta per l'Ambito sociale territoriale N18, che corrisponde al Comune di Napoli, è il dottor Luigi Di Marco, in servizio presso la Sezione di Controllo della Corte dei Conti per la Regione Molise”. Ad annunciarlo è l'assessore all'Assistenza sociale della Regione Campania, Ermanno Russo.
“Il dottor Di Marco risulta in possesso di elevati e specifici requisiti di professionalità ed esperienza rispetto all'incarico conferitogli. Il nuovo commissario – prosegue l'assessore – ha già comunicato l'accettazione dell'incarico, avendo acquisito la relativa autorizzazione da parte del Consiglio di Presidenza della Corte dei Conti”.
La designazione di Luigi Di Marco a commissario ad acta arriva dopo la deliberazione di Giunta regionale n.103 del 21 marzo scorso, con cui si disponeva di procedere all'esercizio dei poteri sostitutivi nei confronti del Comune di Napoli, ai sensi di quanto disposto dagli articoli 21 e 27 della legge regionale 11 del 2007. Tale intervento si è concretizzato con la firma del decreto di nomina da parte del presidente della Giunta regionale, Stefano Caldoro, e l'affidamento del relativo incarico al magistrato per un periodo non superiore a quattro mesi.
“In questo lasso di tempo – spiega l'assessore Russo – il dottor Di Marco sarà chiamato ad un impegno amministrativo assai gravoso, che tuttavia contribuirà a risolvere le notevoli criticità presenti nell'attuale quadro contabile del Comune di Napoli relativamente al settore delle politiche sociali, così come riconosciuto dal Tar della Campania in una sua recente ordinanza. In essa, infatti, il Tribunale amministrativo ha colto la natura dirimente dell'atto deliberativo regionale, rigettando la sospensiva chiesta dall'amministrazione uscente del Comune di Napoli e non ravvisando nel provvedimento della giunta Caldoro un profilo di pericolosità, trattandosi della nomina di un commissario ad acta finalizzata, in definitiva, anche a consentire lo sblocco dei fondi regionali stanziati per il settore dell'assistenza sociale”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©