Politica / Napoli

Commenta Stampa

Politiche sociali: L'inchiesta in corso non squalifichi il lavoro delle organizzazioni sociali oneste


Politiche sociali: L'inchiesta in corso non squalifichi il lavoro delle organizzazioni sociali oneste
28/01/2012, 14:01

Napoli, 27 gennaio 2012 – Le organizzazioni sociali riunite nel comitato Il welfare non è un lusso esprimono sconcerto per quanto appreso dai giornali in merito all’inchiesta sulle presunte irregolarità nell’affidamento dei minori in case famiglia del Comune di Napoli. Il comitato, che rappresenta 200 organizzazioni sociali campane tra cui anche i principali coordinamenti delle case famiglia per bambini e adolescenti – Corcof, Federazione Arca, Cnca Campania – ribadisce il valore del lavoro sociale svolto da anni da educatori onesti e qualificati, che ogni giorno si prendono cura dei minori e delle persone più fragili.

Il comitato dà atto all’attuale amministrazione comunale di essersi dimostrata pronta nel denunciare casi e sospetti di irregolarità negli affidamenti dei servizi al terzo settore, grazie soprattutto all’impegno e alla competenza dell’assessore alle Politiche sociali Sergio D’Angelo. Tuttavia auspica che l’indagine in corso non distragga l’attenzione dalla necessità di sostenere le politiche di welfare in un’ottica di sviluppo globale della città e di prevenzione del disagio, soprattutto di quello dei bambini e degli adolescenti.

“Dobbiamo evitare – afferma Pasquale Calemme, portavoce del comitato Il welfare non è un lusso – che un giusto lavoro d’indagine oscuri tante, indispensabili esperienze di comunità, dove ci sono operatori competenti, qualificati e pronti a fronteggiare situazioni di emergenza e ad accompagnare nei loro percorsi di crescita i bambini e gli adolescenti privi di altri punti di riferimento”.

“In questo momento – conclude Calemme – di estrema crisi e fragilità sociale, occorre rinnovare il clima di collaborazione tra il terzo settore napoletano e l’amministrazione cittadina, contribuire a denunciare irregolarità e a valorizzare il lavoro sociale”.


Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©