Politica / Regione

Commenta Stampa

"Meraviglia che il consigliere Sorrentino si dica sorpreso"

Polo florivivaistico, Ermanno Russo: "Il sindaco ha ragione"


Polo florivivaistico, Ermanno Russo: 'Il sindaco ha ragione'
09/01/2010, 09:01

NAPOLI -  “Comprendo perfettamente le ragioni che hanno spinto il sindaco di Marigliano, Antonio Sodano, a fare ricorso al Tar rispetto ad un progetto sempre più ingarbugliato e fumoso quale è diventato il Polo Florovivaistico”. A dichiararlo è Ermanno Russo, consigliere regionale del Pdl.
Per il presidente della Commissione speciale di controllo sulle Politiche giovanili, disagio sociale ed occupazione “non c’è da meravigliarsi se un primo cittadino chiede chiarezza e vuole vederci chiaro rispetto ad un Polo che insiste sul proprio territorio e che avrà importanti ripercussioni sulle comunità da lui amministrate”.
Mi meraviglia invece – continua Russo – che il consigliere regionale Sebastiano Sorrentino si dica sorpreso dinanzi ad una legittima richiesta di centralità rivendicata dall’amministrazione comunale di Marigliano, che contesta – a mio avviso giustamente – il ruolo marginale di notaio di decisioni prese altrove, che il governo di centrosinistra della Regione Campania vorrebbe affibbiarle”.
“Quanto al tavolo di concertazione citato da Sorrentino, so che il sindaco non ha ricevuto più alcuna notizia in merito, né per l’insediamento né per eventuali riunioni, ed è palese che il Comune si sia limitato ad ospitare il tavolo, demando a terzi la gestione delle formalità burocratiche”, dichiara ancora Ermanno Russo.
Di qui il consigliere regionale del Popolo della Libertà conclude: “L’azione di Sodano è dunque condivisibile dal punto di vista politico, perché si oppone ad un’iniziativa verticistica della Regione Campania che vorrebbe calare dall’alto il Polo senza coinvolgere gli enti locali ed il territorio, ma è altrettanto condivisibile sul piano più strettamente tecnico, perché chiede al Tar di far luce su un nuovo studio di fattibilità che va a soppiantare quello precedente, approvato peraltro dalla stragrande maggioranza dei soggetti interessati e commissionato dalla precedente giunta di centrosinistra della Provincia di Napoli”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©