Politica / Parlamento

Commenta Stampa

La governatrice chiede i tagli e poi... un passo falso

Polverini: galeotto fu l’elicottero che la portò a Rieti

Renata va alla festa del peperoncino. "Scrocca" un passaggio


Polverini: galeotto fu l’elicottero che la portò a Rieti
22/07/2011, 12:07

ROMA – Mai come in questi tempi si parla tanto degli sprechi della politica e dei tagli che ad essa dovrebbero essere effettuati. Su tale materia giungono proposte, alcune buone e altre meno, dichiarazioni, prese di posizione e tra queste ci pensa la governatrice del Lazio a concedersi il lusso di un volo in elicottero per andare a Rieti. Per un impegno istituzionale? No, per partecipare alla sagra del peperoncino.
Ma, paradosso del paradosso è che Renata Polverini decide di farlo non appena terminata una riunione sulla necessità di tagliare i costi della politica. Così sulla governatrice del Lazio si sono abbattute ironia e pesanti critiche dell’opposizione. “Con quale credibilità la governatrice parla di taglio ai costi della politica?”: se lo è chiesto il presidente regionale dei Verdi, Nando Bonessio, che per primo ha raccontato l’imbarazzante coincidenza. Perché poco prima che decidesse di "scroccare" il passaggio aereo, infatti, è stata proprio la stessa Polverini a predicare bene e a chiedere ai capigruppo della sua maggioranza “una stretta sui costi della politica” in un ente, il consiglio regionale, che negli ultimi anni ha visto aumentare esponenzialmente le sue spese.
Insomma, in un periodo in cui i costi della politica continuano a far discutere, e con essi i privilegi di cui i politici godono, la governatrice del Lazio, Renata Polverini, è incappata in un clamoroso passo falso: alla festa del peperoncino di Rieti l’ex segretaria dell’Ugl è arrivata a bordo di un elicottero della Protezione Civile, che normalmente servirebbe per spegnere gli incendi. Altro che taglio ai privilegi dei politici, da lei stessa auspicati.

Riportiamo in allegato il video de "Il Fatto Quotidiano" che per primo ha denunciato tale episodio.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©