Politica / Regione

Commenta Stampa

"A volte basta poco per soddisfare i bisogni primari

Polverini: taglio spese di rappresentanza per la salute delle donne


Polverini: taglio spese di rappresentanza per la salute delle donne
12/04/2010, 18:04

ROMA - La sanità del Lazio è tra le più disastrate d'Italia e così, la neo eletta governatrice Renata Polverini, si dice pronta ad effettuare "qualche rinuncia" tagliando le "decisamente eccessive" spese di rappresentanza del presidente della Regione. In tal modo, secondo l'ex rappresentante Ugl, si potranno difatti recuperare alcune risorse economiche importanti per affrontare le primarie necessità di tutela della salute dei cittadini come, ad esempio, quella ricollegata alla cura delle donne e degli immigrati.
La decisione, infatti, la Polverini ha voluto annunciarla durante la sua visita all'Istituto nazionale per la promozione della salute delle popolazioni migranti e per il contrasto delle malattie della poverta' (Inmp). "Ho potuto vedere - ha  sottolienato la governatrice - che c'e' un capitolo dedicato alle spese di rappresentanza del presidente che mi sembrano oggettivamente eccessive. Si puo' sicuramente operare una rinuncia, perche' a volte basta poco per soddisfare bisogni primari. E' un piccolo capitolo che mettero' a disposizione di obiettivi piu' importanti".
Tale risparmio, dovrebbe permettere dunque di recuperare fondi che "saranno destinati a una delle fragilita' che ci sono in questa Regione. Quella della salute delle donne e' una delle piu' importanti". L'azione della nuova amministrazione sarà quindi interessata in prevalenza alla prevezione:"Troveremo il modo di mettere in piedi nuove modalita' organizzative che permettano alle donne, che spesso trascurano la cura della salute perche' prese dai loro troppi impegni, di raggiungerci e tutelarsi".
La battaglia della sanità laziale è cominciata e la Polverini sembra essere intenzionata ad effettuare alcuni "sacrifici" per poterla vincere. Del resto, la sua vittoria di misura contro Emma Bonino alle scorse regionali, non permette pericolosi adagiamenti sugli allori; soprattutto considerando che, in centro città, il maggior numero di preferenze lo ha ottenuto proprio in centrosinistra. Con il Pdl si è schiarata infatti soprattutto la provincia capitolina e quella delle altre città del Lazio. Il governo del fare dovrà quindi fare sul serio; considerando che, proprio nelle province che si sono schierate a suo fianco, la situazione appare di difficile gestione.

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©