Politica / Regione

Commenta Stampa

Polverino (Pdl): Lettera aperta ai cittadini casertani


Polverino (Pdl): Lettera aperta ai cittadini casertani
22/03/2010, 17:03

CASERTA - Non ha più nulla da dimostrare Angelo Polverino, candidato pdl al consiglio regionale della Campania, ai casertani e specialmente a tutte quelle persone che vivono sotto le cave e i cementifici. Non ha bisogno di rivendicare una politica sociale, l’impegno del consigliere uscente per la chiusura di cave e cementifici è sotto gli occhi di tutti. Ma l’esponente del pdl che molto spesso ha lamentato di essersi trovato da solo ad affrontare questa problematica non si ferma e dimostrando ancora una volta la sua spiccata sensibilità verso le istanze dei comitati civici e cittadini che ormai da troppo tempo lottano contro certi imprenditori e l’indifferenza, dichiara: “Mi sono adoperato per risolvere questo problema come consigliere di opposizione, ricordo che in consiglio regionale dovetti alzare la voce per bloccare il centrosinistra che voleva prorogare tutte le autorizzazioni all’attività estrattiva. Non sono mai sceso a compromessi, la battaglia per la chiusura di cave e cementifici come già ho dimostrato non la sto facendo solo a chiacchiere. Il mio impegno è serio e concreto ed è lo stesso che dovrà assumersi Stefano Caldoro. Ho agito limitato dalla mia posizione di consigliere di minoranza. Ora il mio futuro impegno voglio sottintenderlo che sia in qualità di consigliere di maggioranza. Per questo ho scritto ai miei concittadini, perché io sono il primo da casertano a cui sta a cuore il benessere del nostro territorio”. Angelo Polverino, dopo il dissequestro di tutte le cave e l’assoluzione dei cavaioli, riuscì a bloccare con una legge regionale una delibera della giunta Bassolino che prorogava tutte le autorizzazioni all’attività estrattiva. “ Dopo la prima legge regionale- continua Polverino- ho presentato una proposta di legge per dare una scadenza definitiva a queste attività ed impedire che sul territorio casertano si possano aprire nuove cave o realizzare impianti insalubri, nel nuovo testo di legge vi è un articolo che prevede l’intervento della Regione per salvare i lavoratori attualmente impiegati nei cementifici. Fatto sta che bisogna mettere la parola fine a queste attività, siamo stati impoveriti di un patrimonio paesaggistico notevole, senza avere nulla in cambio a favore dell’interesse pubblico”. Polverino a conferma delle sue prossime iniziative si rivolge ai suoi elettori con una lettera aperta. Ecco il testo della Lettera:
Caro elettore e cara elettrice, sono l’Onorevole Angelo Polverino, Consigliere regionale uscente e ricandidato alle prossime elezioni regionali per il PDL.
Ho contribuito a dare una decisa svolta al problema ambientale, che da decenni affligge la nostra comunità.
Come Consigliere regionale di minoranza, penso di aver assolto fino in fondo al mio dovere, cercando di determinare la chiusura delle cave e dei cementifici, con un provvedimento respinto dai poteri forti di una sinistra che, in questi anni, ha fatto capire da che parte sta.
Ho esultato con i Comitati per una vittoria che avevamo conseguito sul campo della legalità, poi ostacolata da chi ha interesse a che si continui a distruggere e ad inquinare.
Non demordo anche di fronte a chi vuole vanificare il mio lavoro e quello dei comitati civici.
Con il centro-destra al governo della Regione, la prima istanza, che porterò sul tavolo del nuovo governatore della Campania, Stefano Caldoro, sarà la proposta di legge per la chiusura delle cave e dei cementifici, preparata con i Comitati.
La proposta di legge, riportata sul retro di questa mia, include anche un impegno per il salvataggio dei livelli occupazionali.
La proposta deve diventare subito legge!
Non c’è alternativa per noi casertani, che da anni rivendichiamo il diritto a vivere dignitosamente.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©