Politica / Regione

Commenta Stampa

Polverino(Pdl):"Bisogna ritirare la delibera sul centro accoglienza immigrati"


Polverino(Pdl):'Bisogna ritirare la delibera sul centro accoglienza immigrati'
22/03/2010, 15:03

CASERTA - Centro accoglienza immigrati nell’ex canapificio area antistante a Palazzo reale. Categorica la reazione del candidato per il pdl Angelo Polverino: “La delibera della giunta Bassolino che vuole realizzare la struttura nel area vincolata del contesto vanvitelliano deve essere immediatamente revocata, sia chiaro non sono contro l’integrazione degli immigrati, ci sono interventi che rientrano nel progetto Pon sicurezza 2007 – 2013 e dovranno esserci laddove si possono veramente realizzare anche dal punto di vista strategico, sicuramente non in vicinanza di mete turistiche e in prossimità di stazioni centrali. Ma di certo è veramente assurdo che il centrosinistra sia favorevole che si realizzi davanti alla Reggia e tra l’altro in un area con vincolo una costruzione che non può in nessun modo rientrare nella riqualificazione prevista per viale Dohuet”. Angelo Polverino in un incontro pubblico e alla presenza di alcuni rappresentanti di associazioni ha ricordato che la delibera di Bassolino ha destato molte preoccupazione nei cittadini casertani. “ La contrarietà a tale deliberato- dichiara l’esponente del pdl- ha coinvolto associazioni di categoria come Ascom e Confescercenti e sodalizi come l’associazione Terra Nostra, Comitato delle due Sicilie, club Unesco nonché il coordinamento di associazioni casertane. Si è alzato uno scudo contro questa decisione verso la quale abbiamo visto un sindaco che non ha assunto una posizione e pressato dalle associazioni ha preferito scaricare sul consiglio comunale” Marco Cerreto presente anche lui all’incontro di ieri afferma: “Ho presentato una mozione in consiglio comunale con i miei colleghi di opposizione, che però non fu votata dalla maggioranza di Petteruti, questo comportamento è stato un ulteriore riprova di un amministrazione lesiva per la città capoluogo e di una mancanza di programmazione in coesione con lo sviluppo turistico di cui l’attrattore principale deve essere proprio il palazzo reale”. Angelo Polverino torna a scagliarsi sulle responsabilità della giunta di centrosinistra: Non è la prima volta – continua il pidiellino- che ci siamo trovati di fronte a decisioni del centrosinistra alienate dalle esigenze della città, molto spesso si è deciso con i paraocchi o accogliendo proposte di qualche gruppo, il tutto senza nemmeno degnarsi di dare uno sguardo all’area in cui dovrebbe nascere questo centro. Tra le prime cose che farò come consigliere regionale, spero di maggioranza, sarà di chiedere la revoca della delibera con la contestuale proposta del polo fieristico dei prodotti agro-alimentari a riqualificazione del contesto della Reggia Borbonica di cui è parte integrante la suddetta area. Mi impegnerò per l’attuazione delle proposte presentate dalle associazioni di commercio e associazioni culturali, perché ritengo che la nostra storia e con essa il nostro patrimonio storico culturale vada preservato, l’artigianato e tutto ciò che possa fondersi con la reggia quale meta turistica rientra in quello che si può denominasi riqualificazione e valorizzazione” Pasquale Costagliola presidente dell’associazione Terra Nostra tra i partecipanti al dibattito, dichiara: “terra di lavoro soffre di una grande povertà, ci sono tanti disoccupati, tanti italiani che hanno bisogno di una casa, sono pure d’accordo con la politica di accoglienza, ma credo che cosi come si sono chiesti sei milioni di euro alla comunità europea per un centro di accoglienza fuori luogo, si potrebbero chiedere altrettanto fondi per aiutare gente che non riesce a pagare il mutuo o l’affitto”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©