Politica / Napoli

Commenta Stampa

Ponte di via Cilea: la montagna partorisce il topolino


Ponte di via Cilea: la montagna partorisce il topolino
02/03/2012, 16:03

Gennaro Capodanno, ingegnere, presidente del Comitato Valori collinari nel riproporre su you tube un breve ma eloquente filmato dal titolo: “ Ponte di via Cilea a Napoli: i primi 10 mesi del cantiere infinito “ al link: http://www.youtube.com/watch?v=zAh_05_3iw0 , interviene sulla decisione dell’amministrazione comunale di ripristinare a partire dal 3 marzo la transitabilità sul ponte per i soli pollicini utilizzati per la linea su gomma C36 mentre continuerà a vigere il divieto per il transito delle altre linee su gomma.



“ Sono sconcertato - puntualizza Capodanno . Mi domando, tra l’altro, a questo punto quali siano stati i motivi per i quali anche questo servizio sia stato interrotto per oltre dieci mesi, dal momento che il provvedimento limitativo risale al 19 aprile dell’anno scorso, visto che non è stato effettuato in questo periodo nessun lavoro se non opere provvisionali. Dunque perché è stata interrotta fino ad oggi la transitabilità sul ponte dei pollicini? “.



“ Possibile – si chiede Capodanno – che solo per eseguire le verifiche del caso ci siano voluti oltre 200 giorni? Laddove poi bisognerà aspettare ancora tempi non definibili ma comunque lunghi per il ripristino della viabilità anche per i mezzi con peso superiore a 3,5 t anche alla luce delle ultime informazioni che prevedono che i fondi necessari per il ripristino del ponte, valutati in circa 300mila euro, saranno inseriti solo nel prossimo bilancio comunale, e che, poi, dopo che i lavori saranno affidati occorreranno ulteriori 60 giorni per la loro esecuzione? “.



“ Peraltro in questo contesto, i mezzi pesanti, specialmente quelli adibiti al trasporto merci, potrebbero essere comunque costretti a transitare sul ponte, non avendo altra alternativa valida per raggiungere l’area di piazza Vanvitelli – prosegue Capodanno -. Né, d’altra parte, si può pretendere una presenza continua e costante dei vigili urbani, pure di notte, per evitare che ciò accada. E comunque le responsabilità di questo stato di cose restano tutte e solamente dell’amministrazione comunale che non ha ancora provveduto ad appaltare le opere per il risanamento del ponte “.



“ Ciu questa situazione – continua Capodanno – continueranno comunque a soffrire gli utenti del trasporto pubblico su gomma, dal momento che per linee come la 130, la 181, la C31 e la C32, che non utilizzano pollicini ma mezzi più grandi, continuerà a valere il divieto di transito sul ponte. Di conseguenza, in una vasta area che si sviluppa intorno a piazza Vanvitelli, tra via Cimarosa e via Bernini, gli abitanti dovranno utilizzare almeno due autobus per collegarsi con gli altri quartieri attraverso i mezzi pubblici su gomma “.

Capodanno sulla gravità della situazione determinatasi annuncia l’intenzione di organizzare a breve una manifestazione, in accordo con altre associazioni, per dare voce alla protesta civile dei cittadini e dei commercianti e sollecitare l’amministrazione comunale ad intervenire con l’urgenza del caso per ripristinare in immediato la piena agibilità del ponte di via Cilea.



Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©