Politica / Regione

Commenta Stampa

Assessore Russo: nessun taglio

Ponte telefonico per i non udenti, la Regione conferma contributo


Ponte telefonico per i non udenti, la Regione conferma contributo
17/07/2010, 12:07

Battaglia vinta per i sordi della Campania che hanno ottenuto stamane, dalla Giunta Regionale la continuità del progetto ponte telefonico. A sbloccare la situazione, a seguito dell’affollata manifestazione di protesta inscenata davanti Palazzo S.Lucia , l’intervento dell’Assessore Regionale alle Politiche Sociali Ermanno Russo. La delibera che garantiva il contributo era stata, infatti, sospesa il 2 luglio scorso come le altre della passata amministrazione regionale con il provvedimento n° 533 a firma del presidente Stefano Caldoro. L’essenziale servizio di comunicazione dei sordi proseguirà dunque garantendo quel ponte telefonico con i non udenti della Campania, che da circa due anni consente di accedere ai servizi di emergenza sanitaria e di prestazioni sociali mediante la piattaforma telefonica e di traduzione in lis presso l’Ens Ente Nazionale Sordi della Campania. “Siamo soddisfatti – dichiara Camillo Galluccio, presidente del Consiglio regionale dell’Ens- abbiamo visto la partecipazione di tanti che hanno condiviso con noi una battaglia che era prima di tutto di civiltà”. A partecipare alla manifestazione le cinque delegazioni provinciali Ens , gli aderenti all’Associazione Nazionale Ciechi oltre ad un nutrito gruppo di associazioni solidali. “ Il ponte telefonico rappresenta per noi la possibilità di confrontarci con l’esterno, uno dei pochi strumenti in grado di generare quelle pari opportunità che purtroppo sono quotidianamente calpestate – continua Galluccio – Ci auguriamo che si possa intavolare con l’amministrazione regionale un confronto più ampio sulle difficoltà dei non udenti in Campania ed in generale avviare una politica di sostegno con una legislazione adeguata e che consenta un concreto inserimento lavorativo e l’applicazione della lingua italiana dei segni”.

“Il paventato taglio al servizio di ponte telefonico regionale per sordomuti non ci sarà. Desidero tranquillizzare gli utenti e rassicurare, anche per il futuro, l'Ente nazionale sordomuti, che aveva manifestato preoccupazione rispetto alla sospensione della delibera regionale che garantiva tale forma di assistenza”. A dichiararlo è l'assessore alle Politiche sociali della Regione Campania, Ermanno Russo.
“L'azione di monitoraggio che l'attuale amministrazione regionale sta portando avanti in queste settimane, a causa dello sforamento del patto di stabilità da parte della giunta precedente e nell'ambito del programma di stabilizzazione finanziaria, comprende la sospensione delle delibere cronologicamente coincidenti con il periodo in cui la spesa è andata oltre i vincoli di bilancio. Tra queste c'era anche la delibera che riguardava il ponte telefonico per sordomuti, che soltanto tecnicamente figura tra quelle sospese, mentre nella sostanza sarà confermata senza alcun disagio per gli utenti”.
“Voglio poi tranquillizzare la consigliera del Pd, Rosetta D'Amelio, che aveva protestato contro i tagli operati dalla giunta Caldoro e parlato di sospensione del servizio, di atto di inciviltà e quant'altro”, continua l'assessore Russo.
“Sia chiaro che la giunta regionale non intende affatto, come strumentalmente qualcuno si sta affannando a dire, ridurre i servizi alle fasce deboli. Tutt'altro, la maggioranza di centrodestra e tutto il governo di Palazzo Santa Lucia sta coraggiosamente affrontando i nodi lasciati irrisolti dalla precedente amministrazione e ripensando in termini di efficacia le politiche dedicate alla popolazione svantaggiata”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©