Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Porfidia: "Attivato lo sportello Informagiovani di Recale"


Porfidia: 'Attivato lo sportello Informagiovani di Recale'
14/06/2011, 10:06

"Sono lieto di comunicare che lo sportello Informagiovani di Recale è ufficialmente attivo” lo rende noto il dott. Americo Porfidia sindaco di Recale, che aggiunge “La settimana scorsa si è tenuta una riunione di concerto nella sede del Comune di Marcianise – comune Capofila del progetto – con tutti i responsabili istituzionali e i relativi Assessori alle Politiche Sociali dei Comuni nei quali è stato attivato il servizio. Il Comune di Recale, rappresentato dall’assessore alla Pubblica istruzione Andrea Mastroianni e dall’assessore ai Servizi sociali Osvaldo Argenziano, ha reso partecipi gli astanti di tutte la azioni svolte per l’apertura dello sportello e per l’utilizzo da parte dell’utenza. In particolare – rende noto il primo cittadino – sono state contattate tutte la Associazioni del territorio, sia in funzione di una prospettiva sinergica di azioni comuni, sia per una sempre maggiore visibilità e aderenza al contesto reale, sia per avviare le procedure per l’istituzione del forum che avverrà non appena saranno espletate tutte la fasi dell’iter burocratico e organizzativo. Altro canale utilizzato per promuovere il nuovo servizio sul territorio è stata la creazione di un accesso a Facebook definito “Sportelloinformagiovani”, teso ad utilizzare una comunicazione altamente fruita dai più giovani. I ragazzi che si sono già presentati allo sportello hanno avuto un colloquio con l’operatrice responsabile sulle modalità d’uso dello stesso. Ogni utente può compilare una scheda informativa d’ingresso inserita nel sistema di monitoraggio della Regione che può così aiutare il servizio ad avvicinarsi il più possibile alle richieste ed alle aspettative. Alcuni di loro sono stati affiancati nell’acquisizione delle procedure per la compilazione del Curriculum Europeo. Con questo nuovo servizio – conclude Porfidia – crediamo di potenziare ulteriormente il rapporto di comunicazione e fiducia reciproca tra istituzione e cittadinanza in particolare con le nuove generazioni, fornendo strumenti che essi stessi potranno veicolare per essere il più possibili utili alla loro formazione e informazione”

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©