Politica / Politica

Commenta Stampa

Porfidia (NpS): "Monti non sia ridicolo e pensi al bene reale del paese, il tempo a sua disposizione sta per scadere"


Porfidia (NpS): 'Monti non sia ridicolo e pensi al bene reale del paese, il tempo a sua disposizione sta per scadere'
10/07/2012, 09:07

"Vedere il Premier Monti accusare il Presidente di Confindustria di provocare la salita dello spread è uno spettacolo poco edificante per il paese e per tutte le famiglie che responsabilmente stanno sopportando con duri sacrifici i provvedimenti del Governo” si legge in una nota dell’on. Americo Porfidia Presidente nazionale dell’NpS - Per il partito del Sud – Noi Sud “E’ inutile giocare ancora con concetti dei quali abbiamo compreso bene la poca valenza, così come non era Berlusconi a provocare gli sbalzi positivi dello spread, ora non possono esserlo le parole del Presidente di Confindustria. La situazione è molto più complessa e nessuna persona singola ha il potere positivo e negativo di incidere sull’andamento dell’economia italiana. Invece di perdersi in questi continui giochi di parole, il Governo ed in primis il Presidente Monti dovrebbe

invece preoccuparsi delle ricadute reali dei loro provvedimenti, perché è vero che si tratta sempre più di operazioni da macelleria sociale. Le famiglie italiane hanno subito gravissimi attacchi in termini di taglio di servizi e abbattimento di alcuni diritti fondamentali, ma la situazione sul versante della crescita e del lavoro stenta a dare segnali positivi. Su questo punto – conclude Porfidia - il Governo deve intervenire perché l’effetto schok sul debito sta per terminare e le famiglie italiane stanno perdendo la pazienza, vogliono vedere i risultati in termini di investimenti e lavoro”

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©