Politica / Parlamento

Commenta Stampa

PORTAVOCE UDEUR IN CAMPANIA, SU DI ME SOLO CALUNNIA


PORTAVOCE UDEUR IN CAMPANIA, SU DI ME SOLO CALUNNIA
25/02/2008, 18:02

Giorni fa gli sono state mosse accuse pesanti riguardo alla carriera. Non ci sta Pietro Funaro, collega napoletano e portavoce dei popolari udeur della Campania che ribatte alla accuse con l'azione legale. “Quando la politica fa ricorso alla delazione e fonda la sua azione su lettere anonime, vuol dire che siamo arrivati oltre la frutta, siamo al cannibalismo fondato sullo stalinismo.
Se i consiglieri regionali Ronghi, D’Ercole, Rivellini e Diodato avessero sentito il dovere civile e politico di informarsi prima di diventare essi stessi diffusori del falso, probabilmente avrebbero evitato di ascrivere nel loro curriculum questa brutta figura.
Ho sostenuto un regolare concorso per titoli ed esami per dirigente di struttura semplice con incarico di Direttore Responsabile della rivista dell’ARPAC. Sono giornalista professionista da ventisei anni ed in possesso di tre lauree universitarie e di un master annuale universitario. Tutto il resto è calunnia.
Darò mandato ai miei legali, sia per procedere contro ignoti sia per verificare se vi sono responsabilità in sede civile e/o penale da parte degli esponenti di AN che hanno diffuso i contenuti di una lettera anonima, che proprio perché tale si commenta da sola.” 
Al Collega la solidarietà della Redazione...

 

Commenta Stampa
di Giancarlo Borriello
Riproduzione riservata ©