Politica / Napoli

Commenta Stampa

Approvato in assise l'esecuzione del nuovo Piano Regolatore

Porto, Santoro: “Nuova linfa per la città”

Il nuovo Piano avrà effetto immediato

.

Porto, Santoro: “Nuova linfa per la città”
20/08/2012, 11:58

Napoli –  Un  grande progetto per il porto di Napoli, un piano che cambierà il volto alla città e che permetterà di renderla competitiva con altre importanti realtà. E’ in sintesi questo  che prevedela revisione delpianoregolatore portuale, su cui il consiglio comunale ha  dato l’ok per l'esecuzione immediata della delibera di intesa con l'Autorità portuale. L’approvazione in assise è arrivata dopola proposta didiscussionedel capogruppo di Fli in consiglio comunale Andrea Santoro.

“Abbiamo velocizzato al massimo le procedure di nostra competenza per il nuovo piano portuale – ha sottolineato Santoro, raggiunto telefonicamente dalla nostra  redazione - un segnale di grande efficienza da parte del Consiglio comunale di Napoli che permetterà l'adozione del Grande Progetto per cui è già previsto uno stanziamento di 335 milioni di euro di finanziamenti”.

Insomma grande entusiasmo per un progetto che viene presentato come una possibilità per dare a Napoli una marcia in più. “Gli interventi previsti cambieranno il volto della nostra città: basti pensare alla possibilità che si avrà, dopola realizzazione del terminalpetroli, di smantellare i serbatoi petroliferi che ancora insistono nell'ex area industriale causando inquinamento e grave fonte di pericolo. Gli stessi container che invadono tutto il circondario urbano di Gianturco troveranno una unica collocazione direttamente sulla nuova darsena. Ma anche l'installazione di pannelli fotovoltaici e l'elettrificazione delle banchine, - prosegue Santoro - in modo da permettere alle navi da crociera di allacciarsi alla rete elettrica e così spegnere i motori durantela sosta nel porto, evitando quelle antiestetiche quanto pericolose nubi nere che si addensavano sulla stazione marittima. Significativa sarà inoltrela realizzazione di unnuovo fascio ferroviario che ridurrà drasticamente il trasporto su gomma, causa di traffico e smog”, ha concluso il capogruppo di Fli. Dunque tutto, o quasi, è fatto. Si attende ora per le autorizzazioni necessarie per  un progetto che presto potrebbe vedere finalmente luce. 

Commenta Stampa
di Rossella Marino
Riproduzione riservata ©