Politica / Regione

Commenta Stampa

Precari ed esuberi nei trasporti. Pica presenta Interrogazione a Caldoro, Vetrella e Nappi


Precari ed esuberi nei trasporti. Pica presenta Interrogazione a Caldoro, Vetrella e Nappi
02/02/2012, 09:02

La situazione del settore trasporti in Regione Campania rimane ad elevata criticità . Per il comparto, la consistente riduzione degli stanziamenti di bilancio, ha determinato e sta determinando una situazione di grave precarietà lavorativa con una previsione di esuberi pari a circa 3.000 unità ed un ulteriore incremento del precariato; basti pensare che si prevedono almeno 200 unità di esubero per la sola Provincia di Salerno. Dallo scorso 15 dicembre, quando si riunì la Cabina di regia per la gestione delle crisi industriali e dei processi di sviluppo, presieduta dall’Assessore al Lavoro Prof. Severino Nappi e con la partecipazione delle Associazioni di categoria e delle Organizzazioni sindacali, però nulla si è mosso. “Eppure in quell’occasione – ha dichiarato Pica – si stabilì, con l’accordo di tutte le parti presenti, l’istituzione di un fondo regionale, con una dotazione iniziale di 15.000.000,00 di euro, che potrà essere integrato da fondi rinvenienti dagli enti Locali e dalle aziende; si stabilì l’attivazione di contratti di solidarietà; l’esodo incentivato dei lavoratori; la mobilità interaziendale; una serie di percorsi di formazione del personale; il riallineamento del sistema trasporti attraverso la riorganizzazione dei servizi con l’individuazione dei bacini e l’integrazione ferro/gomma. Da allora però nulla si è mosso a distanza di oltre un mese e mezzo” ha concluso Pica. Sa qui la necessità di una nuova Interrogazione al Presidente della Giunta, Stefano Caldoro, ed agli Assessori allo Sviluppo Economico, Sergio Vetrella, ed alla Formazione, Severino Nappi. Nella Interrogazione Pica chiede quindi, di conoscere quali iniziative siano state assunte e/o risultino in itinere, allo scopo di sostenere adeguatamente il delicato e vitale settore regionale dei trasporti.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©