Politica / Regione

Commenta Stampa

Presentata al Avellino la manifestazione “1 € per un sorso”


Presentata al Avellino la manifestazione “1 € per un sorso”
19/03/2011, 10:03

E’ stata presentata oggi nella sala stampa del comune di Avellino la manifestazione “1 € per un sorso”che si svolgerà il 22 marzo, “Giornata Mondiale dell’acqua” presso i Centri Sportivi del Gruppo Cesaro ad Avellino, Portici e Sant’Antimo, alla presenza del Sindaco di Avellino, Giuseppe Galasso; dell’Assessore alla Pubblica Istruzione, Gennaro Romei; dell’Assessore alle Politiche Giovanili, Sergio Trezza; del Presidente della Polisportiva Avellino, Aniello Cesaro. L’evento, ideato ed organizzato dal Gruppo Cesaro, è legato al progetto “A Mare Sicuri” che, arrivato ormai alla quinta edizione, offre ad una parte degli alunni delle scuole primarie delle città dove sorgono i Centri, l’opportunità di svolgere, durante l’anno scolastico, un’ora di attività motoria in acqua, per circa quattro mesi (una volta a settimana), nell’orario curriculare, a titolo totalmente gratuito.
Per l’anno sportivo 2010\\\\2011 il Gruppo Cesaro Sport ha stretto una partnership con Amref, l’organizzazione sanitaria privata, senza fini di lucro che si occupa delle problematiche mediche ed igienico-sanitarie in Africa orientale.
L’acqua è elemento fondamentale nel campo della salute e del benessere, ma ad un livello più ampio, è elemento di vita, bene prezioso e raro che molto spesso, nei paesi occidentali viene sprecato o, comunque, non gestito con adeguato senso di misura. il Gruppo Cesaro, legandosi ad una delle più importanti associazioni umanitarie mondiali, si è reso promotore di un processo di sensibilizzazione sul piano affettivo ed emotivo degli oltre 8.000 bambini delle scuole primarie di Avellino, Portici e Sant’Antimo, attraverso un’azione di coinvolgimento diretta. Tutte le classi, infatti, sono state invitate a partecipare all’iniziativa “1 € per un sorso”, che avrà la sua giornata celebrativa proprio il 22 marzo 2011. Una rappresentanza di ogni scuola partecipante è invitata nei Centri Sportivi dove si svolgerà un’originale manifestazione ludico-educativa. L’evento si svolgerà in contemporanea in tutti e tre i Centri Sportivi del Gruppo ed inizierà alle ore 09.30 con l’arrivo delle prime classi nelle piscine. Un delegato di AMREF, presente in ogni Centro, spiegherà ai bambini l’importanza della giornata del 22 marzo in tutto il mondo; poi si lascerà spazio al divertimento per i bambini presenti che si sfideranno in una particolare “staffetta del risparmio” che premierà la scuola “più brava a risparmiare acqua” e verrà spiegato quanto è importante riuscire a non sprecarla e a cosa potrebbe servire. Due ore coinvolgenti e divertenti senza però perdere mai di vista l’importanza della giornata e dell’obiettivo del risparmio dell’acqua.
Ma cosa fa in concreto il Gruppo Cesaro per Amref? Un progetto tanto semplice quanto importante: ogni anno tutte le piscine dei Centri Sportivi vengono svuotate e riempite nuovamente, per un totale di 4.650.000 litri di acqua che vengono gettati via.
Nel dettaglio, la quantità di acqua contenuta nelle vasche dei Centri Sportivi è:
Avellino 1.800.000 litri;
Portici 1.700.000 litri;
Frattamaggiore 500.000 litri;
Sant’Antimo 650.000 litri;
Quanti pozzi in Africa si potrebbero riempire con una tale quantità d'acqua? Da questa domanda l’idea di devolvere, simbolicamente, l’acqua a coloro i quali questa risorsa non la hanno. In concreto, realizzare pozzi e cisterne in Kenya dove l’accesso e la disponibilità non sono così immediati, anzi la maggior parte delle volte non lo sono assolutamente.

Entusiasta dell’iniziativa il sindaco Galasso, che ha aperto la conferenza “Si rinnova, anche quest’anno, un’iniziativa non solo sportiva ed educativa, ma un evento che porta con se anche caratteristiche umanitarie. L’acqua costituisce la vita e, risulta fondamentale indirizzare questa risorsa verso un continente come l’Africa dove acqua non c’è. La creazione di pozzi e cisterne, oltre agli aspetti puramente igienici e medici significa creare sviluppo e possibilità di vita, soprattutto per i bambini. Sull’acqua c’è un interesse internazionale e tantissima attenzione da parte dei mass media, per cui è doveroso accogliere con grande piacere questa iniziativa del Gruppo Cesaro: un’iniziativa che non vuol dire marketing, perché ormai il Gruppo e la struttura del Centro Sportivo non ne hanno più bisogno, ma che evidenzia un grande scopo umanitario.”
Sulla stessa linea il commento dell’Assessore Romei: “Per me è stato assolutamente doveroso essere presente qui oggi. Oltre ad avermi interessato e coinvolto, questo è un progetto intelligente che unisce la solidarietà all’educazione dei bambini, inculcando loro il valore e il rispetto dell’acqua, insegnando come risparmiarla e usandola in modo intelligente. Come Assessore della Pubblica Istruzione ho dato lo spunto per coinvolgere le scuole primarie di Avellino, riuscendo a portarle tutte all’evento del 22 marzo per un progetto di grandissima valenza culturale e solidale.”
”Credo che il progetto “A Mare sicuri” sia, ormai, un evento istituzionalizzato che il Comune ha preso a cuore. – ha esordito l’Assessore Trezza - Inoltre crediamo che possa essere sviluppato in maniera diversa, implementandolo e migliorandolo. Speriamo per la prossima edizione di non farlo solo per 4 mesi ma per tutto l’anno scolastico; c’è stato un continuo coinvolgimento anno dopo anno e, per la prossima edizione, cercheremo con il Provveditore e il Gruppo Cesaro di estendere il progetto.”
Le conclusioni con l’intervento dell’Arch. Aniello Cesaro:”Con la costruzione di questi pozzi, dimostriamo che il nostro impegno nel sociale sarà sempre maggiore. Per quanto riguarda “A Mare Sicuri” siamo ovviamente disponibili ad ampliare l’offerta secondo le indicazioni delle Amministrazioni. Siamo a disposizione perché Avellino è protagonista delle nostre attività e progetti, e per noi è il Centro sportivo più importante. Il nostro impegno è quello di concretizzare idee nuove e impegnarci maggiormente nelle attività sociali. Infine intendo ringraziare il Sindaco e i suoi collaboratori che sono sempre preziosi.”

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©