Politica / Politica

Commenta Stampa

Il Pd propone di azzerare tutto e discutere da capo

Presidenze Camere: mal di pancia nei 5 Stelle per gli accordi presi


Presidenze Camere: mal di pancia nei 5 Stelle per gli accordi presi
22/03/2018, 16:01

ROMA - Domani a quest'ora conosceremo i nomi dei nuovi presidenti di Camera e Senato. Ma per ora le novità sono poco rassicuranti. Infatti, il centrodestra ha confermato la sua intenzione di puntare su Paolo Romani, come presidente del Senato; nome su cui però i grillini si sono spaccati, dato che molti non vogliono votare chi ha processi penali alle spalle. C'è da dire che in teoria, per quelle che sono le regole del Senato, il voto del Movimento 5 Stelle non è indispensabile: al quarto scrutinio c'è il ballottaggio tra i due più votati allo scrutinio precedente; e il centrodestra ha quindi i voti per eleggere il suo rappresentante. Per questo Luigi Di Maio ha proposto un nuovo giro di incontri per trovare una figura "di garanzia" per la seconda carica dello Stato.

Intanto il Pd si riunirà stasera alle 18 per decidere quale sarà la linea da adottare. Anche se è probabile una astensione, visto che il Pd ha più volte dichiarato che non intende far parte della maggioranza. Questa mattina Ettore Rosato ha però dichiarato che il Pd è disponibile ad una trattativa, ma a condizione di partire da zero. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©