Politica / Politica

Commenta Stampa

Primarie, scontro in tv tra Bersani e Renzi

Si parla di evasione, tasse e rinnovamento

.

Primarie, scontro in tv tra Bersani e Renzi
29/11/2012, 09:34

ROMA - Il punto più rilevante che li divide è quello delle future alleanze. E’ quanto emerge durante il confronto tra Pierluigi Bersani e Matteo Renzi, ormai a quattro giorni dal secondo turno delle primarie. Bersani apre le porte a Vendola e a Casini, Renzi non ci pensa affatto. Ma il segretario del Pd gli ricorda che ogni qualvolta siano andati da soli, ha sempre vinto Silvio Berlusconi. Sul tema della crisi, il sindaco di Firenza propone un aumento di 100 euro al mese per tredici mensilità, per chi guadagna sotto i duemila euro al mese. Non la pensa così Bersani, che non intende promettere venti miliardi di euro. Dieci ministri per Matteo Renzi, venti invece per Pierluigi Bersani: e qui si apre anche la questione dei vitalizi e dei rimborsi elettorali ai partiti. Discordi sui sostegni ai partiti. Per Bersani: Da Clistene a Pericle, in Grecia decisero che in democrazia la politica pendeva un sostegno pubblico, dunque non mi rassegno che la politica la possano fare solo i ricchi”. Poi il clima si surriscalda appena Renzi ricorda al segretario del Pd i ruoli svolti nel passato: “Hai governato per 2547 giorni”, ovvero per sottolineare i disastri che sono stati fatti dal centro sinistra in passato. Bersani replica: “Non tutti gli ultimi vent'anni sono uguali. Certo nessuno è perfetto, ma se avessero lasciato alcune misure fatte da noi, la crisi sarebbe stata diversa”. Non passa inosservata la dichiarazione di Matteo Renzi sul Sud: "Non ho preso molti voti al Sud ma sono contento di perdere le primarie se non convinco il Sud che è arrivato il momento della scossa". Bersani ha invece concluso con un appello al voto dedicato a Lucrezia una bambina di quattro anni: “Ieri mi ha fermato e mi ha detto: per Natale voglio una bambola rossa e lo stipendio per mamma. Non riuscirò a risolvere tutto, ma cercherò di guardare il mondo da quel punto di vista lì perché se lo si guarda da quel lato si fa un Paese migliore. Dal lato della gente più debole e si richiama la solidarietà di tutti per chi ne ha di più di problemi". Poi una stretta di mano tra i due, che sicuramente non sono andati a bere una birra insieme, come si sono promessi durante la sfida in tv. 

Commenta Stampa
di Maria Grazia Romano
Riproduzione riservata ©
GLI ALTRI VIDEO.