Politica / Politica

Commenta Stampa

Fischi per Fassino, cariche della polizia

Primo maggio, al via le contestazioni

Tra le polemiche, alle 15 il concertone a Roma

Primo maggio, al via le contestazioni
01/05/2012, 11:05

Primo maggio al vetriolo per Torino. La festa dei lavoratori è iniziata con una contestazione dei centri sociali, in testa Askatasuna, al corteo nel capoluogo piemontese. “Fuori Fassino dal corteo”: questo lo slogan urlato dagli esponenti di Askatasuna.
La polizia è intervenuta subito respingendo il gruppo e  inseguendo i ragazzi: non sono mancati tafferugli e l’esplosione di una bomba carta. Un militante del centro sociale è stato fermato e portato in questura. Il corteo è poi ripreso, il sindaco Fassino è sempre in testa alla marcia verso piazza San Carlo, blindatissimo, tra cordone delle forze dell'ordine e servizio d'ordine dei sindacati. “Ogni primo maggio abbiamo avuto delle contestazioni – afferma Fassino -. l'importante sono le migliaia di persone che stanno qui dietro gli striscioni, io sto bene”. Ma fuori proseguono i fischi da parte di un nutrito gruppo di cittadini, che grida: “Fuori la polizia dal corteo”.
A Roma, intanto, dopo le polemiche dei giorni scorsi è quasi tutto pronto per il concertine del Primo maggio.  Lo start è atteso per le 15. Sul palco arriveranno anche Elisa, Noemi, Nina Zilli, i Subsonica e gli Stomp oltre ai nomi già annunciati Caparezza, Stefano di Battista, Afterhours, Raiz, Mannarino, Marina Rei, Sud Sound System, Teatro degli Orrori, Finardi, Mama Matjas, 'Nduccio, A Toys Orchestra, Dente, Gabriele Lopez, P-Funking Band, Blastema, Almamegretta, A67, Autoreverse, Fabrika, Gnu Quartet, Vittorio Cosma, Nobraino e la rockband americana Young The Giant.
La diretta partirà alle 16 e si spera che, nonostante il momento, si possa ancora dedicare un giorno alla speranza: il tema scelto quest’anno, infatti, è la musica del desiderio.  “Le cose cambieranno. Muteranno ancora”, ha affermato Mauro Pagani che al concerto dirigerà l’Orchestra Roma Sinfonietta e la Resident Band in un percorso musicale all’insegna del rock.
Ma il sindaco di Roma Alemanno non torna indietro, si rifiuta di pagare per l’evento e continua a chiedere ai sindacati il pagamento delle spese del concerto, richiesta inedita nella storia della manifestazione: è online, sul suo blog ufficiale, il video nel quale il primo cittadino invita gli organizzatori del concertone del primo maggio a contribuire al pagamento di una parte degli oltre 250mila euro dei costi previsti. "Le fatture dei 109mila euro per i servizi erogati da Ama e Atac saranno, infatti, emesse a loro carico - si spiega nella nota del Campidoglio - è stato chiesto alla Regione Lazio, con esito positivo, di provvedere alla copertura dei 25mila euro per il servizio di assistenza sanitaria dell'Ares 118. Per la restante parte, 117mila euro per spese polizia Roma Capitale, sarà aperto un tavolo con il Governo".
 

Commenta Stampa
di Gaia Bozza
Riproduzione riservata ©