Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Il voto è previsto alle 20.30 di questa sera

Processo breve: il Pdl dice no agli aquilani

Menia (Fli):"Dopo processo breve, poltrone per Responsabili"

Processo breve: il Pdl dice no agli aquilani
13/04/2011, 16:04

ROMA - Si avvia alla conclusione l'iter per l'approvazione alla Camera dei Deputati della legge sul cosiddetto "processo breve". Ancora poche ore e poi, verso le 20,30, ci sarà il voto finale. Il Pd e l'Idv hanno esaurito il tempo a loro disposizione e il Presidente della Camera Gianfranco Fini non ha voluto usare una prerogativa, prevista dal regolamento della Camera, per dare altro tempo all'opposizione. Ormai, l'unica tecnica che possono usare è quella di far parlare una persona per dichiarazione di voto e far parlare alcune decine di deputati in dissenso; ma ad ognuno sono concessi pochi secondi di tempo.
Tra gli emendamenti bocciati dalla maggioranza, ce n'era uno, firmato da Pd, Fli ed Idv, che escludeva dalle nuove norme i reati di strage colposa. In questa maniera processi come quello per le vittime del terremoto di L'Aquila e per la strage della stazione di Viareggio non sarebbero stati toccati da questa nuova norma. Ma il Pdl ha bocciato anche questa norma, nonostante il Pd, nelle dichiarazioni di voto, avesse chiesto un voto favorevole da parte dell'intera aula.
Intanto il deputato Roberto Menia, di Futuro e Libertà, parlando con la stampa, ha detto di sapere che, dopo l'approvazione della legge sul processo breve, al gruppo di Iniziativa Responsabile verranno assegnati sei o sette posti al governo, tra deputati e senatori. E Menia commenta: "Sarebbe chiaramente la lettura risibile del pagamento dell'intera operazione".

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©

Correlati