Politica / Politica

Commenta Stampa

Ancora una volta il problema del conflitto di interessi

Processo Ruby, Ghedini e Longo: "Stop al processo, siamo candidati"


Processo Ruby, Ghedini e Longo: 'Stop al processo, siamo candidati'
21/01/2013, 10:52

MILANO - Nuova udienza del processo Ruby, che vede Silvio Berlusconi processato per concussione e per prostituzione minorile; e ancora una volta i suoi avvocati difensori cercano di rinviare il processo. 
E così questa mattina gli avvocati Nicolò Ghedini e Piero Longo hanno chiesto lo stop del processo in quanto candidati al Senato in campagna elettorale. E hanno aggiunto che, essendo la loro attività di avvocati incompatibile con quella relativa alla candidatura (per una udienza a settimana?, ndr), se la loro richiesta non dovesse essere accolta dovranno restituire il mandato. Così l'effetto sarà lo stesso: essendo il processo terminato, il nuovo avvocato dovrà studiarlo ex novo.
Gli avvocati hanno anche ricordato che ottennero la sospensione dei processi sia nel 2001, che nel 2006 e nel 2008. Non farlo significherebbe - ha concluso Ghedini - dare alla Procura un eccessivo potere di interferenza nelle elezioni. 
Il Tribunale quindi ha chiesto al Pm di rinviare la sua requisitoria al 4 marzo. La Bocassini ha detto di non aver bisogno di questa pausa e che non è corretto scaricare sulla Procura la responsabilità di una simile decisione. Di conseguenza il Tribunale si è ritirato in Camera di Consiglio per decidere. 
Alla fine la soluzione è stato un compromesso: il Pm farà la sua requisitoria subito, ma la sentenza ci sarà solo l'11 marzo. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©