Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Una proposta di legge che proibisce i processi ai deputati

Pronto il "salvaparlamentari" sottoscritto da Pdl e Pd


Pronto il 'salvaparlamentari' sottoscritto da Pdl e Pd
08/01/2010, 12:01

ROMA - Qualcuno si era illuso che il lodo Alfano o il "processo breve" fossero i punti più bassi a cui potessero arrivare i politici italiani? Tranquilli, c'è di peggio: per esempio la legge Chiaromonte-Compagna. La prima è un esponente del Pd; il secondo del Pdl. Hanno firmato un progetto di legge costituzionale che in effetti blocca qualsiasi processo che riguardi i parlamentari, finchè restano tali. Riguarda tutti i 630 deputati, 315 senatori e senatori a vita, non è rinunciabile ed è reiterabile all'infinito. Ed è la proposta che il Pdl fa al Pd: una firma a questa legge, in cambio del ritiro della nuova versione del lodo Alfano in forma di legge costituzionale. Oltre alla firma - o quanto meno un passaggio veloce nelle Camere - sulla legge del legittimo impedimento, il cui succo è che il fatto di essere il Presidente del Consiglio è motivo sufficiente per bloccare il processo.
Le proposte di legge in questione, allo stato, sono appoggiate solo dal Pdl, mentre il Pd si è espresso in maniera negativa, sconfessando ufficialmente l'attività della Chiaromonte. Anche le dichiarazioni del segretario Pierluigi Bersani di ieri ("Non vogliamo lo tsunami delle leggi ad personam") sembrano andare in questo senso. Ma più volte abbiamo visto il Pd dire di no e poi agire per il sì, quindi bisogna aspettare, prima di essere ottimisti.
Nel frattempo è stato depositato dai legali di David Mills il ricorso in Cassazione, per conto del loro assistito, contro la condanna a 4 anni e sei mesi di secondo grado. Interessante notare, anche in questo caso, come il ricorso si basi solo sui tempi della prescrizione - che secondo i difensori è già scaduta - e non sulla colpevolezza o meno del loro assistito

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©