Politica / Napoli

Commenta Stampa

Protocollo d’intesa con l’Unione Industriali per la fornitura di divise ad armi alla Polizia municipale


Protocollo d’intesa con l’Unione Industriali per la fornitura di divise ad armi alla Polizia municipale
06/12/2011, 17:12

Il protocollo d’intesa tra l’Unione Industriale di Napoli e l’Amministrazione comunale sulla dotazione di divise ed armi al Corpo della Polizia municipale è stata al centro della seduta di oggi della Commissione Diritti e Sicurezza, presieduta da Gaetano Troncone.
L’Assessore alla Sicurezza, Giuseppe Narducci, ha spiegato che il documento firmato il 26 ottobre scorso ha raccolto la disponibilità dell’Unione ad avviare un’attività di sensibilizzazione del mondo imprenditoriale napoletano e nazionale per dotare, entro il 2012, la Polizia municipale di nuove divise ed armi di ordinanza. È dal 2006, infatti, che i circa 700 tra agenti ed ufficiali non ricevono nuove divise a causa dell’impossibilità per l’Amministrazione di affrontare un impegno di spesa che supera la cifra di 1 milione di euro.
I dettagli del vestiario saranno indicati nella nuova tabella attualmente in corso di definizione, che modificherà la precedente previsione risalente ad oltre quindici anni fa, anche se solo il vestiario essenziale sarà oggetto della fornitura.
Quanto alla forma giuridica che consentirà l’effettiva attribuzione del materiale all’Amministrazione, si pensa al contratto di comodato gratuito. Sulla scelta dello strumento contrattuale e sugli obiettivi perseguiti dall’Unione industriali attraverso il protocollo sono intervenuti i consiglieri Molisso, Manuseto, Moretto e lo stesso presidente Troncone, ai quali l’Assessore Narducci ha ricordato il ruolo di interlocutore privilegiato dell’Amministrazione, nonché di Regione e Provincia, rivestito dall’organo imprenditoriale.
Affrontata, nel corso della riunione, anche la questione della procedura selettiva interna alla Polizia municipale per il reclutamento di 50 unità appartenenti alla categoria D per lo svolgimento di funzioni di coordinamento e controllo con grado di responsabilità, indetta con disposizione dirigenziale nell’ottobre dello scorso anno. La procedura, attualmente in corso di svolgimento non è, come ha sottolineato l’Assessore – che ha ricordato anche le sentenze, tanto del giudice ordinario che di quello amministrativo, di rigetto dei ricorsi presentati contro la determina dirigenziale - una procedura concorsuale per attuare progressioni orizzontali o verticali, ma di selezione interna con mutamento di mansioni nell’ambito della stessa area. Nessun aumento retributivo, dunque, sarà attribuito ai vincitori, mentre l’unica modifica visibile sarà la presenza del fregio di capitano sulla divisa.
Al termine della seduta, il presidente Troncone ha preannunciato l’intenzione di alcuni consiglieri di svolgere, nelle prossime settimane, sopralluoghi presso le unità operative della Polizia municipale

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©