Politica / Regione

Commenta Stampa

Cosentino: ora si fa sul serio.Rivellini: stiamo scherzando?

Provincia Napoli: Cesaro nomina tre assessori


Provincia Napoli: Cesaro nomina tre assessori
07/07/2010, 16:07

NAPOLI - Il presidente della Provincia di Napoli, Luigi Cesaro, ha nominato con proprio decreto Francesco Mallardo, assessore con delega alla semplificazione amministrativa, Marco De Stefano, assessore con delega all'Edilizia scolastica - Risorsa Mare, e Giovanna Del Giudice, assessore con delega alle Pari Opportunità - Politiche Giovanili - Cooperazione Internazionale in sostituzione dei dimissionari Luigi Muro, Franco Malvano e Severino Nappi.  "Si tratta - ha affermato il presidente Cesaro - di una giunta in cui le competenze dei tecnici, l'esperienza dei politici e l'entusiasmo dei giovani si fondono in una squadra che reputo tra le migliori possibili per la Provincia di Napoli".

Soddisfazione per la nomina dei tre nuovi assessori alla Provincia di Napoli è stata espressa dal coordinatore regionale del Pdl, Nicola Cosentino.
“Con il completamento della squadra di governo – ha detto Cosentino – la Provincia di Napoli è adesso in grado di confrontarsi con le difficili sfide che l’attendono. Siamo convinti che l’entusiasmo e la professionalità che i tre nuovi assessori portano in dote rappresentano un valore aggiunto al progetto di cambiamento che il Popolo della libertà ha riservato alla maggiore realtà demografica della regione”.

L’europarlamentare del Pdl-Ppe Enzo Rivellini, coordinatore regionale di Generazione Italia Campania, ha rilasciato la seguente dichiarazione: «Auguri alla nuova giunta provinciale, anche se onestamente devo ammettere che quando mi è stato comunicata pensavo di stare su Scherzi a Parte !
La giunta ora ha il compito di smentire non me ma tutto il popolo del PDL che certamente ha assistito attonito ed inerme all’immobilismo del primo anno dell’amministrazione Cesaro. In ogni caso il desidero dell’intero Popolo della Libertà era finalmente il varo di una giunta meritocratica esperta e rappresentativa, cosa che nei fatti non è avvenuta.
Difatti che rappresentatività può avere chi è stato sonoramente bocciato alle ultime elezioni regionali ? Che esperienza può avere chi mai si è occupato di istituzioni politiche ed attività connesse ? Non aver rispettato criteri di rappresentatività e meritocratici può essere un errore fatale per il Presidente Cesaro che si carica di ulteriori responsabilità perché è chiaro che se la Provincia continua con l’attuale immobilismo può mettere in serio pericolo il risultato elettorale delle prossime amministrative.
Speriamo che questo primo giudizio influenzato da una giunta nata da mediazioni tra i partiti e gli amici care alla vecchia liturgia della vecchia politica e non alle direttive innovative del nostro leader, Silvio Berlusconi, possa essere modificato dai fatti. Concludendo desidero, nell’augurare buon lavoro al Presidente Cesaro, inviargli una preghiera: cambi marcia, metodo di scelta e si impegni in prima persona e con il massimo sforzo per non mortificare le speranze di un’intera Comunità che si riconosce a livello nazionale nelle scelte del Presidente Berlusconi. Difatti il popolo del PDL si rende conto che benché l’amico Luigi Cesaro sia un uomo capace, neanche SUPERMAN può svolgere adeguatamente e contemporaneamente il ruolo di Parlamentare, Presidente della terza provincia d’Italia e Coordinatore Provinciale del PDL».

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©