Politica / Regione

Commenta Stampa

Provinciali, Napoli: il PdL adotta il decalogo per la legalità


.

Provinciali, Napoli: il PdL adotta il decalogo per la legalità
04/05/2009, 16:05

Regole chiare e concise volte ad impedire infiltrazioni criminali nelle liste delle prossime elezioni provinciali. E' questo lo scopo dell'adesione, da parte del PdL, al decalogo per la legalità presentato oggi all'hotel Mediterraneo di Napoli, cui dovranno aderire tutti i candidati che sostengono alla presidenza della Provincia Luigi Cesaro, candidato del Partito delle libertà. Un'iniziativa che si inserisce nell'ambito della strategia della "sicurezza partecipata", varata dall'ex ministro dell'Interno Pisanu e rilanciata dall'attuale responsabile del Viminale, Roberto Maroni. All'incontro hanno partecipato il candidato Luigi Cesaro, Pasquale Giuliano, presidente della Commissione Lavoro al Senato, i rappresentanti del PdL Mario Landolfi, Nicola Cosentino, Marcello Taglialatela e il parlamentare Maurizio Iapicca. Regole che ricalcano le prescrizioni dettate dalla Commissione parlamentare Antimafia nel codice di autoregolamentazione che fu approvato all'unanimità nell'aprile 2007, e che vietano la candidatura di quanti siano stati rinviati a giudizio per delitti di stampo mafioso, usura, riciclaggio e per attività volte al traffico illecito di rifiuti. No alla candidatura, inoltre, di coloro che siano stati condannati con sentenza anche non definitiva e che siano stati rinviati a giudizio per reati contro la Pubblica Amministrazione. Un decalogo che il candidato Cesaro ritiene "indispensabile in Campania, terra in cui la camorra è presente nelle amministrazioni locali, dato dimostrato dai numerosi scioglimenti di Consigli comunali". I comitati elettorali delle 13 liste che sostengono la candidatura di Cesaro, e che sono collegate al PdL, hanno tempo fino a giovedì per la presentazione della documentazione che attesta la compatibilità alle regole del decalogo e, dunque, alla candidatura. Pertanto, tutti coloro che hanno avviato la campagna elettorale ma che non rientreranno nei parametri dettati dal partito, saranno esclusi. "E' un'iniziativa necessaria - ha affermato il coordinatore vicario in Campania del PdL, Mario Landolfi -. La priorità della politica in Campania è di fare fronte comune contro la criminalità". Regole su cui, ha assicurato il senatore Giuliano "la commissione vigilerà affinché siano attuate e conservate durante la fase di formazione della squadra di Cesaro in caso di vittoria elettorale".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©