Politica / Napoli

Commenta Stampa

Provincie, Cesaro: "il TAR ha sancito la legittimità del nostro operato"


Provincie, Cesaro: 'il TAR ha sancito la legittimità del nostro operato'
25/02/2012, 10:02

“Mi ero imposto il silenzio prima che il Tar si fosse espresso sui ricorsi presentati da alcuni dirigenti della Provincia. Oggi che il Tar ha emesso la sua sentenza e posso esprimermi chiaramente.
La motivazione con cui il Tribunale Amministrativo ha respinto il ricorso, riconosce appieno la coerenza e legittimità degli atti assunti, sia da un punto di vista organizzativo che procedurale. Ciò non può che confortarmi e convincermi ancor di più sulla bontà dell’operato della mia amministrazione, che ha sempre rispettato le indicazioni del Consiglio, pur adottando una propria linea di programmazione precisa e coerente ”
Lo ha affermato il presidente della Provincia di Napoli Luigi Cesaro che ha così commentato la sentenza del Tar che respinge i ricorsi presentati contro la Provincia di Napoli sul decreto di attuazione della delibera di giunta per la definizione del nuovo assetto organizzativo dell’a mministrazione.
“ Le nostre scelte e la strategia attuata – continua Cesaro – fanno oggi della Provincia di Napoli una tra le amministrazioni più moderne ed efficienti, dove concetti quali la meritocrazia e la produttività voluti dalla legge Brunetta sono pienamente applicati.
Tale riorganizzazione, oltre che necessaria, era anche obbligata, perché il MEF aveva palesemente richiesto di intervenire nel merito dopo un’ispezione effettuata nel 2007 che aveva stabilito all’epoca palesi incongruenze nelle funzioni dirigenziali dell’ente”.
“Abbiamo profondamente snellito la macchina amministrativa – ha aggiunto Cesaro - riducendo le aree dirigenziali e semplificando la struttura, accorpando diverse funzioni e valorizzando le risorse interne, ed abbiamo anche eliminato ogni consulenza esterna. Abbiamo ottenuto una riduzione complessiva delle spese di oltre 150mila euro, ovvero del 5% dei fondi per il personale dirigenziale. Credo che, quando si parla di gestione delle risorse, un amministratore debba operare secondo una visione complessiva, guardando ad elementi quali la qualità dei servizi, la valorizzazione delle risorse ed alla loro economicità globale. Ed è quello che abbiamo sicuramente fatto”.
“Insomma abbiamo lavorato per una modernizzazione del settore pubblico, utilizzando leve di produttività e competitività fino ad oggi proprie solo del settore privato. Ripeto – ha concluso Cesaro - abbiamo fatto un buon lavoro io e i miei collaboratori, primo fra tutti l’assessore Galdieri: la riorganizzazione della macchina provinciale era uno dei punti fondamentali del mio programma e l’obiettivo è stato raggiunto utilizzando per la realizzazione del riassetto esclusivamente energie professionali interne, senza ricorrere, come spesso accade altrove, ad incarichi esterni quanto mai onerosi per le amministrazioni pubbliche”.


Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©