Politica / Politica

Commenta Stampa

PSI - SEL « Il paesaggio non è un condono »


PSI - SEL « Il paesaggio non è un condono »
08/06/2012, 15:06

 “Il Disegno di Legge sul Piano Paesaggistico Regionale, è figlio di un diffuso vizio che sta caratterizzando la Giunta regionale del Presidente Caldoro: arrogarsi prerogative e poteri che non le appartengono.

In questi giorni, nel nostro Paese, piangiamo le vittime di chi probabilmente non aveva tenuto in considerazione l’importanza strategica di politiche adeguate per il governo del territorio.

Tornando a noi, il tutto sembra risolversi in una politica dei “nuovi condoni” proponendo alle lobbies amiche illusorie cancellazioni di vincoli e rigori normativi per nuovi consensi elettorali.

Appare dunque evidente la volontà di esautorare i nostri Comuni di buona parte dei loro poteri nella programmazione e pianificazione territoriale, facendo venire meno il cardine normativo su dimensionamento delle attività produttive e delle strutture turistiche, consentendo, così, di sacrificare le aree verdi pubbliche a favore di un’espansione indiscriminata del cemento.

Un ragionevole dubbio porta a chiedersi quale speculatore amico sarà beneficiario di quanto si vuole predisporre, in considerazione che le sanzioni non vengono previste: è presente solo un generico rimando ad ulteriori ed indefiniti provvedimenti successivi.

Scelte scellerate che incideranno negativamente sulla già precaria tutela e salvaguardia del nostro territorio, minando anche quei principi di legalità che hanno garantito la sopravvivenza di modelli virtuosi del paesaggio campano.

Vogliamo essere promotori di iniziative fuori dalle sedi istituzionali, andando a confrontarci con le nostre Comunità Locali: il PPR, è uno strumento di governo del territorio, finalizzato ad azzerare il divario fra ideali piani astratti e qualità reale dell’urbanizzazione, al fine di evitare intrecci affaristici che, invece, si vogliono agevolare.

Il momento è decisivo, bisogna cogliere l’insegnamento dei tanti disastri naturali passati per porre freno allo scempio perpetrato negli anni scorsi”



Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©