Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Ma la Brambilla ha annunciato querela

Pullman anti-Fini, il Secolo d'Italia conferma


Pullman anti-Fini, il Secolo d'Italia conferma
02/09/2010, 11:09

ROMA - La conferma di quanto è stato scritto ieri sul sito di Generazione Italia, a proposito di un pullman anti-Fini da far arrivare a Mirabello, organizzato dal Ministro del Turismo Michela Brambilla, è arrivata oggi da un altro quotidiano di partito. Si tratta del Secolo d'Italia, giornale legato ad AN, il quale intervista la persona che ha raccontato tutto al sito di Generazione Italia. Si tratta di Vitale Mattera, militante napoletano del Pdl, il quale ovviamente conferma tutta la vicenda: "Ho ricevuto una telefonata da parte di Francesca Pascale (consigliere provinciale per il Pdl, già figurante in una trasmissione comica su una TV locale napoletana, ndr), che mi chiedeva di organizzare un pullman di cinquanta ragazzi per andare a Mirabello domenica. Mi sono stupito perché pensavo che il pullman fosse per Fini  e fosse composto da sostenitori finiani: ma sapendo che Francesca è una berlusconiana doc le ho chiesto a cosa servisse l'ìiniziativa. E lei mi ha risposto che serviva esattamente per fischiare e contestare Fini nel momento del suo intervento. La Pascale ha fatto anche il nome della Brambilla, ha detto che era lei che stava organizzando i pullman per Mirabello".
E questo nonostante ieri la Brambilla abbia emesso un comunicato nel quale dichiarava la propria estraneità alla faccenda: "Quanto apparso in data odierna sul sito di Generazione Italia ricondurrebbe alla mia persona azioni che mi sono totalmente estranee, dimostrando una volta di più come vi siano esponenti politici senza scrupoli che, pur militando nel Popolo della Libertà, non esitano a cercare di screditare l'operato del Presidente del Consiglio e dei suoi Ministri. Quanto accaduto oggi mi pare, semmai, un palese tentativo di mettere le mani avanti, creando un alibi con il quale giustificare le contestazioni che, evidentemente gli esponenti finiani si aspettano di ricevere a Mirabello da parte dei tanti militanti dell'ex An che ben si sono guardati dal seguire le loro posizioni. Per quanto mi riguarda mi sento di rassicurarli: l'appuntamento di Mirabello non è nella mia agenda". Inoltre il Ministro aveva annunciato che avrebbe proceduto per via legale contro quella che lei ritiene una diffamazione.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©