Politica / Politica

Commenta Stampa

Deposta la corona di alloro al Milite Ignoto

Quattro novembre: Napolitano omaggia le Forze Armate

“Sono un’istituzione di riferimento per il Paese”

Quattro novembre: Napolitano omaggia le Forze Armate
04/11/2011, 10:11

ROMA – Deposta la corona di alloro al Milite Ignoto, presso l’Altare della Patria a Roma, è iniziata la celebrazione dell’Unità Nazionale e della giornata delle Forze Armate. Presenti il Capo dello Stato, Giorgio Napolitano, a cui spetta il compito di omaggiare il Milite Ignoto, i presidenti di Camera e Senato e molte autorità civili e militari. Come di consueto, a precedere la cerimonia è stata l’esecuzione dell’Inno di Mameli e della canzone del Piave, mentre dopo gli onori militari resi all’inquilino del Colle, diversi applausi sono partiti dalla folla raccoltasi in piazza per seguire l’evento, con tanto di bandiere tricolore, indirizzati al Capo dello Stato. Alla cerimonia, tra le autorità, un’unica assenza: quella del presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, impegnato con il G20 a Cannes.
In questo modo e con queste parole il presidente della Repubblica celebra il 4 novembre, festa dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate: “In questo quadro incerto, le Forze Armate costituiscono un’istituzione di riferimento per il Paese. Rendo l'omaggio del Paese e mio a tutti coloro che hanno perso la vita per la libertà e la prosperità della nostra Patria”. “Il nostro Paese e tanti altri nel mondo – ha affermato nel messaggio inviato alle Forze armate - sono stretti in una crisi economica di intensità, durata ed estensione senza precedenti nel periodo seguito alla Seconda guerra mondiale, mentre gli scenari internazionali si caricano di tensioni. Le Forze armate italiane costituiscono un’istituzione di riferimento per il Paese e per la comunità internazionale e malgrado le ridotte risorse finanziarie disponibili è necessario che siano poste in condizione di affrontare le nuove sfide e le minacce emergenti”.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©