Politica / Regione

Commenta Stampa

R. Topo(Pd) su ordinamento giunta regionale

Nuovo rinvio, restano solo i costi aggiuntivi

R. Topo(Pd) su ordinamento giunta regionale
01/07/2013, 15:22

“A più di diciotto mesi dalla pubblicazione sul bollettino ufficiale del nuovo ordinamento amministrativo, gli uffici della giunta regionale non hanno ancora un assetto definitivo, in un quadro di incertezza per i dipendenti che si riverbera naturalmente su tutta l'amministrazione regionale”.

La denuncia sullo stato di attuazione del nuovo ordinamento amministrativo, voluto dall’assessore Pasquale Sommese,  è del capogruppo regionale Pd, Raffaele Topo, che spiega: “La Giuntaha varato il regolamento n. 12 relativo all’ordinamento il 15 dicembre del 2011. Da allora questo provvedimento non solo è rimasta lettera morta ma nel frattempo c’è stata l’ennesima proroga delle funzioni dirigenziali preesistenti. Mentre, a un anno dalla nomina dei capi dipartimenti (5), con relativo aggravio di spesa per il pagamento del loro ingente stipendio, essi sono senza struttura sotto ordinata e non svolgono le funzioni per le quali sono stati chiamati. Insomma un vero e proprio capolavoro”.

“Una riforma della macchina amministrativa regionale – continua il capogruppo regionale del Pd -  sbandierata come riforma epocale, si sta rivelando, dunque, un flop clamoroso: continui rinvii, esorbitanti costi aggiuntivi, nessun effetto positivo sull'amministrazione regionale”.

“L’abrogazione del precedente ordinamento in attesa che il nuovo si realizzi – afferma Topo -  è stato un gravissimo errore. Non si capisce la funzione esercitata dai capi dipartimento in questo periodo di transizione e abbiamo difficoltà a comprendere il motivo della duplicazione delle funzioni tra essi e i direttori generali”.

“Gestire anche la materia dell’organizzazione degli uffici con tanta superficialità – conclude il capogruppo regionale del Pd - ci pare grave e irresponsabile. In un quadro economico e sociale così difficile era necessario una riforma nel segno della semplificazione, con l'accorpamento delle funzioni. Il ricorso a dirigenti esterni, infine, si e' solo rilevato un costo inutile”. 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©