Politica / Regione

Commenta Stampa

Comune sciolto (anzi no) e firme contro Berlusconi

Raccolte firme bipartisan, botta e risposta

Ai nostri microfoni i consiglieri Signoriello e Nicodemo

.

Raccolte firme bipartisan, botta e risposta
07/03/2011, 15:03

NAPOLI - Consiglio Comunale sciolto, anzi no. Tentativi di raccogliere nuovamente le firme, ma con qualche difficoltà. E Numa Pompilio (in foto) che chiede le dimissioni di Berlusconi. Iniziative clamorose e figuracce che rimbalzano da un lato all’altro della barricata tra gli schieramenti politici. Abbiamo sentito i consiglieri Ciro Signoriello e Francesco Nicodemo sugli ultimi avvenimenti che hanno sconquassato le sale del potere.
Argomento di partenza della nostra doppia intervista, i festeggiamenti in grande stile che la settimana scorsa hanno galvanizzato il Pdl. Salvo poi comprendere che una delle firme, quella del consigliere Udc Fabio Benincasa, non era valida in quanto non autenticata insieme a tutte le altre. Passo successivo, l’intenzione di ripresentare le 31 firme: dopo le dimissioni in solitaria del consigliere Varriale, il discorso si fa più arduo anche se non impossibile.
Infine, una parentesi sulla raccolta di firme raccolte su Internet e rese pubbliche dal segretario del Pd, Pierluigi Bersani. Firme non autenticate, che hanno scatenato la fantasia degli internauti. Tra i tantissimi nomi reali o perlomeno verosimili, infatti, non mancano i vari Tullio Ostilio, Numa Pompilio e così via.

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©