Politica / Politica

Commenta Stampa

“Racconti biodegradabili”: cinque storie per avvicinare gli studenti campani al tema rifiuti


“Racconti biodegradabili”: cinque storie per avvicinare gli studenti campani al tema rifiuti
06/06/2012, 12:06

“Racconti biodegradabili”: cinque storie per avvicinare gli studenti campani al tema rifiuti. Il volume curato dalle edizioni Colonnese e dalla Fondazione Mezzogiorno Tirrenico sarà distribuito gratuitamente in alcune scuole della città e della regione in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Regionale per la Campania La presentazione il 7 giugno 2012 all’università Parthenope con un video .

La cultura per sconfiggere i rifiuti: un libro per prevenire le emergenze del domani. Si chiama “Racconti biodegradabili” il volume scritto da cinque scrittori napoletani - Giusy De Rienzo, Vincenzo Mazzitelli, Davide Morganti, Angelo Petrella (curatore) e Gianni Solla - e pubblicato fuori commercio dall’editore Colonnese insieme con la Fondazione Mezzogiorno Tirrenico e la collaborazione dell’Ufficio Scolastico Regionale per la Campania e gli Assessorati all’Ambiente e all’Istruzione della Regione Campania.

Cinque racconti agro-dolci per “esorcizzare” le ancora troppo vicine immagini dei giganteschi cumuli di sacchetti dell’immondizia che riempivano e ammorbavano le strade della città, le terribili scene della grande vergogna che hanno portato Napoli e la Campania sui giornali e le tv di tutto il mondo, la ferita non ancora rimarginata di un'emergenza durata venti anni (e che, come una spada di Damocle, sembra esser sempre dietro l'angolo).
Cinque storie per avvicinare i più giovani a un tema fondamentale - la gestione dei rifiuti - perché possano sviluppare una maggiore consapevolezza del problema, acquisire coscienza del loro ruolo e dunque modificare i comportamenti. Ed è proprio per questa ragione che il libro sarà distribuito gratuitamente in alcune scuole della regione, come spiega il presidente della Fondazione, l’avvocato Vittorio Brun: “La priorità deve essere quella di parlare ai giovani, questo è il punto di partenza indispensabile per costruire un futuro migliore. Da qui la scelta di creare un volume ad hoc da regalare ad alcune scuole di primo e secondo grado, ovvero un veicolo per trasmettere un messaggio positivo (in primis trasformare le criticità in opportunità), per offrire un’opportunità di crescita civile e culturale. E per questo - ha aggiunto il presidente Brun - abbiamo deciso di presentare il nostro lavoro nell’ambito della manifestazione regionale del “Polo qualità di Napoli” dell’Ufficio scolastico regionale, alla presenza di centinaia di docenti e migliaia di studenti, il nostro progetto, infatti, prevede una serie di attività laboratoriali nelle scuole campane, tutte incentrate sul libro, che sarà distribuito nelle’ultime classe delle medie inferioi e nel biennio del superiori. E anche l’assegnazione di un Premio, uno per ogni provincia”.
Un progetto importante, come spiega l’editore Edgar Colonnese: “Abbiamo accolto con estremo piacere l’invito della Fondazione MT a curare il progetto editoriale. E l’aver riscontrato l'interesse di cinque scrittori campani è per noi motivo di orgoglio. Un’occasione importante per promuovere la lettura in una regione che è tra le ultime per numero di lettori, ma anche l’opportunità per alcuni degli scrittori di pubblicare con Colonnese dopo essersi affermati con importanti case editrici
settentrionali”. Il riferimento è a Gianni Solla e Angelo Petrella, che sono in libreria rispettivamente con “Il fiuto dello squalo” (Marsilio) e “Le api randagie” (Garzanti)

L’appuntamento con “Racconti biodegradabili” e il progetto della Fondazione MT è dunque per il 7 giugno nell’aula grande dell’università “Parthenope”, nell’ambito del grande seminario organizzato dalla direzione generale del “Polo qualità”
(www.qualitascuola.com), al quale prenderanno parte, oltre al presidente Vittorio Brun, anche l’assessore regionale alla Cultura Caterina Miraglia, Angela Orabona (Polo qualità), Diego Bouchè (direttore generale Usr Campania), l’assessore comunale Severino Nappi, Andrea Bacharach (Unione industriali), Mario Castoldi (università di Torino), Patrizia Di Monte (direttore Arlas), Patrizia Boretti (direttore Ansas), Gianni Festa (presidente Corecom), Gennaro Varriale (direttore “Ateneapoli”), Riccardo Lega (“Federico II”).
Nel corso del seminario sarà proiettato un video ispirato al libro e curato da Adversa - Future Media Factory.


GLI AUTORI
Angelo Petrella è nato a Napoli nel 1978. Quando gli chiedono cosa faccia nella vita lui risponde “lo scrittore", ma gli altri ribattono “Sì, ma il tuo vero lavoro?”. Il suo ultimo romanzo è “Le api randage”, edito da Garzanti. Anche se non sembra, è uno che ha studiato: se non ci credete, chiedetegli di mostrarvi il diploma di laurea e di dottorato. Lui risponderà che non li trova più dal suo ultimo trasloco. Finora ne ha fatti cinque...

Gianni Solla è nato al Loreto Mare, da piccolo voleva fare l’investigatore privato o l’ala destra del Napoli, poi le cose si sono messe male e adesso scrive storie e lavora. Non risponde mai al telefono né al citofono. Vive a Napoli, da casa sua si vede il mare, il suo ultimo libro si chiama “Il fiuto dello Squalo” (Marsilio), quello prima “Airbag” (Ad Est dell’Equatore).

Davide Morganti non è nato di sicuro nel 1965. Vorrebbe che si leggessero
Jirì Weil e Sigizmud Krzizanovski, Albert Caraco Il’f & Petrov, ma così non sarà.

Vincenzo Mazzitelli nasce a Napoli il 30 Marzo 1962. Dopo un po' di studi classici decide di viaggiare a costo zero e s'imbarca su un mercantile battente bandiera panamense. In seguito alterna lavori di vario genere alle sue passioni letterarie. Collabora con alcuni giornali partenopei, si inventa l’arte di rimatore da strada che sfocierà, nel 2007, nella sua prima pubblicazione dal titolo “L’acrostico più lungo del mondo” (Meridianozero). Attualmente continua a chiedersi cosa farà da grande.

Giuseppina De Rienzo è nata a Napoli; si divide tra il cuore antico della città, e Procida, l’isola più schiva. Per due volte finalista allo Strega, ha pubblicato romanzi, racconti, raccolte di poesie, reportage. Quando non scrive, fotografa. Porta sempre con sé il rumore del mare, e il sapore delle terre di dentro.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©