Politica / Politica

Commenta Stampa

Radicali a De Magistris: "A Napoli vale ancora l’articolo 21 della Costituzione?"


Radicali a  De Magistris: 'A Napoli vale ancora l’articolo 21 della Costituzione?'
11/11/2011, 10:11

“Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione”. Che questo articolo della Costituzione italiana sia uno dei più disattesi in assoluto, grazie alla impunita violazione delle regole dell’informazione politica, alla cancellazione dall’agenda radiotelevisiva dei temi dell’iniziativa politica radicale, all’imposizione di protagonisti e antagonisti di regime, al continuo attentato ai diritto politici e civili dei cittadini, lo denunciamo da tempo.



Oggi, come avviene da almeno un anno e mezzo, tenevamo in zona universitaria il tavolino settimanale del giovedì, dedicato alla informazione sul Congresso del Partito Radicale e sulla Assemblea Annuale degli Iscritti all'associazione radicale "Per la Grande Napoli". Il volantinaggio è ormai l’unico mezzo, oltre ad internet, col quale riusciamo a comunicare la nostra azione politica. Almeno fino ad ora. Stamattina sette (!!) agenti della Polizia Municipale di Napoli hanno impedito la tenuta della nostra attività, notificandoci due verbali, per una multa complessiva di 350 euro, contestando in particolare la violazione dell’Articolo 15, legge 501/93 che si riferisce a manifestazioni di carattere commerciale e non di propaganda politica.



Insomma del Congresso del Partito Radicale non se ne può dare notizia.



Per questi motivi venerdi 11 novembre saremo a manifestare presso il Comune di Napoli, in via Verdi, dalle ore 9.30 in poi, per chiedere un incontro al Sindaco De Magistris. Intendiamo domandargli se a Napoli vale ancora l'articolo 21 della Costituzione e di iscriversi al Partito Radicale, il partito del divorzio, della legalizzazione dell’aborto, dei diritti civili, della lotta contro lo sterminio per fame, della istituzione del Tribunale Internazionale contro i crimini di Guerra, della Moratoria ONU delle esecuzioni capitali e tante altre lotte vittoriose.



lo inviteremo al Congresso che si terrà a Roma dall’8 all’11 dicembre, consegnandogli 7 copie della Costituzione della Repubblica, chiedendo che siano spediti agli agenti di Polizia Municipale che stamattina hanno tentato di cancellare quelle residue possibilità per i radicali di comunicare le proprie iniziative politiche.



Sul sito dell'associazione www.perlagrandenapoli.org potete trovare i verbali della Polizia Municipale e il volantino "incriminato".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©