Politica / Napoli

Commenta Stampa

Raffaele Di Monda prima uscita ufficiale del vice coordinatore regionale


Raffaele Di Monda prima  uscita ufficiale del vice coordinatore regionale
06/02/2012, 11:02

Prima uscita ufficiale del vice coordinatore regionale di Fli, Raffaele Di Monda, al I Congresso del Pin, di cui è il presidente uscente. Le prime parole, dure, sono state per criticare il lavoro svolto finora dal sindaco di Napoli Luigi de Magistris : “Intendo lanciare un messaggio al primo cittadino – ha spiegato Raffaele Di Monda, rivolgendosi alla platea del Salone Margherita. Intendo smascherarlo in quanto ciò che ha promesso non l’ha mantenuto. Durante la candidatura de Magistris aveva assicurato che nei primi sei mesi avrebbe risolto il problema della spazzatura, ma così non è stato. Di contro ha operato tagli alla spesa pubblica: tra questi quelli alle politiche sociali, alla cultura, eliminando numerosi asili nido. Tagli per circa 2milioni di euro. Però non ha esitato ad assumere nel suo staff 19 persone. Era un sindaco che voleva scassare ma che invece ha scassato”. Ed ancora: “il sindaco di Napoli aveva promesso la Coppa America, ha accusato il vicecoordinatore regionale di Fli – invece ha ottenuto solo 2 qualificazioni. Ma questa organizzazione quali vantaggi economici porterà alla città|?. Per non parlare della Ztl che ha di fatto spezzato le gambe a numerosi operatori commerciali”. Infine, Raffaele Di Monda ha rilanciato la necessità di “dovere svecchiare la classe politica, fare andare via i vecchi nomi per fare posto ad una compagine più fresca, che ci tenga all’etica, alla passione ed alla dignità”. Nella riunione politica si sono registrati anche gli interventi di Pietro Diodato, coordinatore provinciale di Fututo e Libertà: “ saremmo un partito sempre vigile all’operato di questa Amministrazione che al momento non è soddisfacente”, e di Raffaele Ambrosino, coordinatore cittadino Fli: “Raffaele Di Monda ha dimostrato la sua lucidità politica e capacità di aggregazione: di certo, faremo grandi cose per la regione, la provincia e la città”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©