Politica / Politica

Commenta Stampa

Il dibattito

Rai, Pd e Terzo Polo: "Avanti con il commissariamento"

Lega e Pdl protestano, cauta Idv: "Serve riforma governance"

Rai, Pd e Terzo Polo: 'Avanti con il commissariamento'
18/03/2012, 22:03

ROMA - A Pd e Terzo Polo piace l'idea di commissariare la Rai. Dopo il presidente della Camera Gianfranco Fini, è il leader Udc Pier Ferdinando Casini a dare la sua approvazione all'ipotesi del governo di un commissario per Viale Mazzini. "Sono totalmente d'accordo con Fini che ha parlato a nome del Terzo Polo", dice Casini ai giornalisti. Il responsabile cultura e informazione  del Pd Matteo Orfini è conciliante, parla a nome del partito spiegando che "l'annuncio del passo indietro del terzo polo sulle nomine Rai va nella direzione giusta". "Siamo certi - aggiunge - che presto anche il Pdl fara' la stessa cosa, comprendendo che il tempo della lottizzazione e' finito per sempre, con buona pace di Gasparri". 
Ma il Pdl fa quadrato e la Lega lo segue. Davide Caparini, responsabile informazione del Carroccio, spiega che "non servono commissariamenti per la Rai che di fatto è già commissariata dalla politica. Serve soltanto dar corso alla riforma della legge Gasparri che, in attesa che venga applicata, sta diventando vecchia".
"Il Commissariamento della Rai extra legem non lo decidono né Casini né Fini perché, se passa la prassi dei colpi di mano, allora non ci si venga a parlare della necessità di regole per ciù che riguarda l'economia": è netto il punto di vista del capogruppo del Pdl alla Camera, Fabrizio Cicchitto mentre il suo collega al Senato Maurizio Gasparri parla di "lottizzatori del Pd nelle banche e alla Rai".
E il presidente dei senatori dell'Italia dei Valori, Felice Belisario, frena: "Qualsiasi ipotesi di proroga dell'attuale Cda della Rai o di nomina di un nuovo Cda con l'indecente legge Gasparri è  fuori discussione. L'Italia dei Valori ha pronto un pacchetto di proposte di riforma della governance che presentera' il 27 marzo".
 

Commenta Stampa
di Gaia Bozza
Riproduzione riservata ©