Politica / Parlamento

Commenta Stampa

'Raiperunanotte', per Soldà finalmente Santoro libero di informare


'Raiperunanotte',  per Soldà finalmente Santoro libero di informare
26/03/2010, 14:03


ROMA - "Non sono d'accordo con titoli di giornale che parlano di un Santoro libero di insultare, ma piuttosto libero di informare, così da opporsi, giustamente, alla burrascosa iniziativa di bloccare i talk show, che offrono i dovuti confronti tra i programmi politici dei candidati alle elezioni". Queste le prime dichiarazioni di Roberto Soldà, vicepresidente dell'Italia dei Diritti, dopo 'Raiperunanotte', la trasmissione andata in onda ieri sera dal Paladozza di Bologna, condotta da Michele Santoro, che con un filmato ha rappresentato il parallelismo tra il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi e Benito Mussolini. "L'informazione televisiva è stata bloccata per tutti i partiti, tranne che per il Pdl - continua l'esponente del movimento presieduto da Antonello De Pierro -, dato che il premier quotidianamente ha comunicato a e ha parlato con i suoi elettori. Tutti i giorni si è scritto di lui e dei sui dati statistici che lo facevano vincere già all'inizio della campagna elettorale. Insomma si può parlare di stop all'informazione della sola opposizione, costretta a tacere per volontà di Berlusconi - chiosa Soldà -. Non aver accettato i confronti politici è stato come tappare le orecchie e chiudere gli occhi dei cittadini italiani, che nei prossimi giorni si recheranno alle urne per votare, senza gli strumenti utili per farlo".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©