Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Spunta l'occhio vigile della scatola nera

Rc auto meno salate per gli automobilisti virtuosi

Steffa tariffa in tutta Italia, stop differenze geografiche

Rc auto meno salate per gli automobilisti virtuosi
29/02/2012, 20:02

ROMA - Le assicurazioni sotto il tiro delle modifiche al Dl liberalizzazioni approvate in commissione industria al Senato. Con un rush finale da record sono state infatti inserite una serie di norme che intervengono pesantemente su due settori, oltre a quello delle auto, anche sulle banche. Questo anche se le assicurazioni hanno incassato molte norme a loro favore, ad esempio sullo stop alle frodi. L'effetto atteso è un calo dei costi per gli utenti. Le ultime modifiche introdotte sono di grande rilievo: nel caso in cui l'automobilista o il centauro non abbiano incidenti (cioè se sono virtuosi) il premio Rc auto dovrà calare automaticamente. E questo «nella misura preventivamente quantificata in rapporto alla classe di appartenenza attribuita alla polizza ed esplicitamente indicata nel contratto». Ma non è tutto: sempre ai virtuosi dovrà essere riconosciuta la stessa tariffa su tutto il territorio nazionale, evitando penalizzazioni geografiche (vedi gli automobilisti napoletani che pagano premi esorbitanti). E i rimborsi per furto o incendio dovranno essere più veloci. In compenso le assicurazioni incassano un nutrito pacchetto anti-frodi: innanzitutto aumentano le pene. 5 anni di carcere sono un deterrente niente male. Saltano i rimborsi per le microlesioni non riscontrabili, i cosiddetti colpi di frusta. Ci sarà poi un registro anche per vittime e testimoni. Contro quelli che di questa attività hanno fatto una professione. Infine un controllore in auto: la scatola nera. Tutte misure che dovrebbero alleviare le assicurazioni dall'attività della fiorente industria delle frodi che, ironia della sorte, ha contato oggi decine di arresti in tutta Italia, da Napoli a Brindisi. E c'è anche un altro vantaggio a favore delle assicurazioni: per il mancato adempimento dell'obbligo da parte dell'agente di fornire almeno tre diverse polizze Rc auto la multa sarà meno salata. Si prevedeva una sanzione dell'Isvap alla compagnia tra i 50.000 e i 100.000 euro. Ora la cifra è stata abbassata tra 1.000 e 10.000. Ma può essere raddoppiata in casi di particolare gravità o di recidiva. Per le banche arrivano invece forti limitazioni a pratiche considerate scorrette (le clausole che introducono commissioni sul massimo scoperto, per fare un esempio) e, soprattutto, lamenta l'Abi, dovranno lavorare gratis. Come nel caso dell'apertura e della gestione dei conti correnti per i pensionati fino a 1.500 euro.

Commenta Stampa
di Valerio Esca
Riproduzione riservata ©