Politica / Politica

Commenta Stampa

Si attende ora il decreto del Presidente della Repubblica

Reggio Calabria, sciolto il consiglio comunale

Cancellieri: “Provvedimento disposto per contiguità mafiose”

Reggio Calabria, sciolto il consiglio comunale
09/10/2012, 19:55

REGGIO CALABRIA –  Sciolto il consiglio comunale di Reggio Calabria per contiguità mafiose. La decisione è arrivata oggi: il consiglio dei Ministri, su proposta del ministro dell'Interno Anna Maria Cancellieri, ha disposto per il provvedimento. Ora la proposta dovrà ora essere rivolta al Presidente della Repubblica che a sua volta emanerà un decreto, contro il quale è ammesso il ricorso al Tar e al Consiglio di Stato. Intanto a Reggio Calabria dovrebbe essere nominata una terna commissariale, che resterà in attività per 12 o 18 mesi prorogabili ulteriormente fino a 24.

“Il provvedimento è stato preso per contiguità e non per infiltrazioni mafiose - sottolinea il ministro dell'Interno, Annamaria Cancellieri - la decisione riguarda solo l'attuale amministrazione e non la precedente. Abbiamo la volontà di restituire il Paese alla legalità: senza legalità non c'è sviluppo”.

Stando ad alcune indiscrezioni, sembra ci siano stati tentativi di infiltrazione nella municipalizzata Multiservizi, poi sciolta. Ma non solo. Al vaglio della commissione antimafia potrebbe esserci la gestione finanziaria dell'ente, il cui bilancio è stato pesantemente criticato dal Ministero dell'Economia e dalla Corte dei conti nel 2011, e l’arresto del consigliere comunale, Giuseppe Plutino, poi sospeso avvenuto il 21 dicembre scorso. Quest’ultimo fu ammanettato con l’accusa di  concorso esterno per associazione mafiosa. 

Commenta Stampa
di Rossella Marino
Riproduzione riservata ©