Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Regi Lagni: Porfidia: "Presentato al Ministro dell’Ambiente question time su situazione ambientale"


Regi Lagni: Porfidia: 'Presentato al Ministro dell’Ambiente question time su situazione ambientale'
25/05/2011, 16:05

Roma, 25 maggio 2011- "I Regi Lagni è un’opera realizzata nel 1610 in un territorio tra le province di Caserta e Napoli vasto circa 1095 Kmq.

E’ costituita da una serie di canali che raccolgono le acque piovane e sorgive lungo il territorio di Benevento, Caserta e Napoli e le convogliano fino al mare.” Così l’on. Americo Porfidia di Noi Sud ha introdotto l’interrogazione a risposta immediata rivolta al Ministro dell’Ambiente, per il quale ha risposto in aula il Ministro rapporti col Parlamento Elio Vito. Il deputato campano ha sottolineato come il territorio in oggetto “sia stato baciato dalla natura, ma che è stato nel tempo rovinato dall’opera umana”. Le diverse attività che sorgono nell’area infatti, saltando le griglie immettono direttamente nel canale principale ogni tipo di scoria e residuo, arrivando fino al mare ed interessando purtroppo anche il sottosuolo, riducendo di fatto l’intera zona in una sorta di discarica a cielo aperto che ha contribuito pesantemente ad inquinare il prezioso Litorale Domizio. L’on. Porfidia ha quindi chiesto al Ministro “quali iniziative intende assumere, e con urgenza, per salvare un territorio dal punto di vista ambientale, paesaggistico e sanitario”. In conclusione il deputato di Noi Sud-Ir ha ringraziato le delucidazioni fornite dal Ministro sull’argomento, ma ha criticato i provvedimenti annunciati come palliativi incapaci di risolvere definitivamente il problema, per il quale ha invocato “un’azione comune tra le varie istituzioni interessate e competenti, in particolare lo Stato e la Regione per convogliare forze e risorse evitando finanziamenti dati in ordine sparso”. L’on. Porfidia si è quindi detto certo che un intervento di bonifica nell’area, e in particolare sul Litorale Domizio rappresenterebbe un vero volano per l’occupazione e per un rilancio in chiave turistica del territorio.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©