Politica / Regione

Commenta Stampa

Regionali: Covino, fermiamo il manifesto abusivo


Regionali: Covino, fermiamo il manifesto abusivo
26/02/2010, 14:02


NAPOLI. ‘E meno male che doveva essere una campagna elettorale all’insegna della sobrieta’. Napoli e’ infestata dai manifesti del Pdl’ cosi’ Marica Covino, candidata nel cappello di lista con il PD alle elezioni regionali nel collegio di Napoli, contesta l’attacchinaggio selvaggio messo in campo dal centrodestra. La Covino, 28 anni, lavora in un call center della Telecom ed e’ RSU della Slc Cgil.
‘Stefano Caldoro ha piu’ detto piu’ volte che la sua coalizione avrebbe condotto la sfida elettorale con parsimonia e poche spese. Ma basta farsi un giro per le strade di Napoli per rendersi conto che non e’ cosi’, che la politica dell’annuncio del Pdl non corrisponde alla verita’ spiega Covino
‘Come non bastassero le bugie sulle spese elettorali – continua – in queste ore assistiamo anche alla fiera del cattivo gusto. I manifesti del Pdl sono stati attaccati dappertutto: fuori dagli spazi messi a disposizione dai Comuni, sui monumenti, sulle pensiline dei bus, sulle impalcature dei cantieri edili. Insomma, siamo invasi da Berlusconi e dai suoi uomini. La cosa curiosa – spiega Covino – e’ che la sfida all’ultimo manifesto e’ tutta al loro interno. Ogni candidato del Pdl copre il suo amico di lista per avere maggiore visibilita’ e la carta, strappata nella guerra degli attacchini abusivi, finisce per strada aumentando l’immondizia in citta’. Ecco, chi mente dicendo di aver risolto l’emergenza rifiuti in Campania, ora da il bell’esempio sporcando in maniera incivile l’ambiente’ conclude Covino.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©