Politica / Regione

Commenta Stampa

Fitto:"Noi non attenderemo le primarie"

Regionali in Puglia, il Pdl richiama l'Udc:"Non attenderemo le primarie"


Regionali in Puglia, il Pdl richiama l'Udc:'Non attenderemo le primarie'
30/12/2009, 17:12

BARI - Scontri interni, scissioni, alleanze in bilico ed ammonimenti-ricatti salutano il 2009, promettendo un 2010 tutt'altro che sereno per la politica pugliese. Coinvolti nella bagarre totale ci sono Pd, Pdl ed Udc; con il partito di Pierferdinando Casini che rischia di passare da ago della bilancia a spina nel fianco di se stesso. Dopo la scelta, gradita a Nichi Vendola, di fissare la data delle primarie per il prossimo 17 gennaio (e non il 24 come avrebbe voluto Emiliano) e i sondaggi sulle preferenze che vedono strafavorito il governatore uscente, l'Udc sembra una bambola di pezza tirata ed insieme respinta da due bimbi capricciosi.
Quanto durerà la stoffa prima di strapparsi? Riuscirà a resistere al tira e molla e ai capricci (ed interessi) delle parti in campo? Da un lato c'è infatti un accordo con il Partito democratico che porta però la clausola Emiliano e che, dunque, con Vendola candidato scricchiolerebbe non poco; dall'altro, invece, c'è il Pdl di Raffaele Fitto che avverte sibillino l'unione di centro con un chiaro:"Noi non vogliamo sottostare a scadenze che ricompattino il centrosinistra.
In caso contrario siamo pronti ad andare da soli ed ufficializzare nei primi giorni di gennaio il nostro candidato"

Insomma, nonostante ci sia "la massima disponibilità a continuare il dialogo con Udc e Io Sud sul programma e sul nome del candidato del centrodestra" accompagnata da una decisa condanna  "dell'esperienza di governo guidata da Nichi Vendola",
dal Popolo delle libertà si chiede una decisione celere e poco ambigua al partito dello scudo crociato.
I nomi proposti da Fitto e i suoi sono quelli già stranoti di Stefano Dambruoso, Adriana Poli Bortone e 
Rocco Palese. Il ministro per i rapporti con il mezzogiorno ha poi criticato duramente la scelta del primo cittadino di Bari precisando, infatti, che Michele Emiliano:"Deve venir fuori da questa situazione balorda e paradossale. Deve dimettersi da sindaco di Bari, non ci sono altre soluzioni: il 27 e 28 marzo 2010 sia election day, che si voti per il nuovo consiglio comunale del capoluogo pugliese e per il presidente della Regione Puglia".
Parole forti che, di rimbalzo, finiscono anche a quell'Udc così favorevole alla candidatura dell'anti-Vendola e palesano la critica tout court del centrodestra pugliese nei confronti delle amministrazioni del centrosinistra; siano essere rappresentate dal popolare governatore in carica che dall'esuberante sfidante.

Aggiornamento delle 18:45
A quanto pare, dalla notizia che si legge sull'Ansa, sarebbe stata smentita la data per le primarie. il "Che vinca il migliore" di Vendola è tutto ciò che di certo si sa; per ora...

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©