Politica / Regione

Commenta Stampa

"Non sono un politico, ma amo la mia città"

Regionali: Liana De Filippis candidata nel Pdl in rappresentanza delle associazioni e del volontariato


.

Regionali: Liana De Filippis candidata nel Pdl in rappresentanza delle associazioni e del volontariato
25/02/2010, 13:02


NAPOLI - Intervenendo stamani alla conferenza stampa di  presentazione della candidatura dell’architetto Liana De Filippis nella lista del Pdl alle regionali, il coordinatore del Pdl Marcello Taglialatela ha affermato: «Mi fa piacere che Liana De Filippis sia in lista in quanto espressione dell’associazionismo civico che è parte viva e attiva del tessuto economico e sociale di una città alla ricerca del riscatto morale e politico».
Liana De Filippis ha sottolineato: «Mi candido per essere espressione soprattutto di quelle donne che da cittadine finora non si sono molto impegnate in società ed in politica: voglio essere l’ariete funzionale a sfondare quella porta delle istituzioni regionali finora rimasta chiusa dinanzi alle istanze del mondo dell’associazionismo civico e del volontariato di cui faccio parte da anni».
Alla conferenza hanno preso parte: Paolo Santanelli, Presidente dell’Associazione “Chiaia per Napoli”, Sergio Fedele, Presidente di “Napoli punto a capo”, Ninni De Santis, Presidente di “Napoli Liberal” e Maurizio Esposito dell’associazione “Campania Sanità”. Hanno inoltre dato il proprio sostegno Gennaro Capodanno dell’associazione “Valori collinari” e Mario Anepeta di “Consultabitanti”.
Sergio Fedele ha consegnato all’architetto Liana De Filippis una maniglia dal significato profondamente simbolico ed ha detto: «Ecco la maniglia affinché tu la possa utilizzare per aprire una porta che finora è sempre rimasta chiusa alle nostre richieste e che con Caldoro Presidente verrà non solo aperta ma sarà anche trasparente in modo da dare ai cittadini la possibilità di vedere cosa accade all’interno delle istituzioni. Siamo molto contenti che il centrodestra abbia aperto diversi tavoli tecnici di lavoro per il programma in cui viene dato spazio alle associazioni».

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©