Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Sfida al femminile con Renata Polverini del PdL

Regionali, Pd candida Emma Bonino nel Lazio


Regionali, Pd candida Emma Bonino nel Lazio
15/01/2010, 21:01

ROMA - Emma Bonino candidata per il Partito Democratico alla poltrona di presidente della Regione Lazio. Da qualche giorno la notizia era nell'aria, ma questa sera si è avta l'ufficialità. Nel tardo pomeriggio di oggi l'assemblea regionale del Pd Lazio ha dato il suo responso. La Bonino, 62anni, ha ottenuto il via libera alla propria candidatura, dall'unanimità dei presenti.
Martedì scorso la leader dei radicali aveva messo in gioco il suo ruolo alla direzione regionale del Pd. Oggi la decisione ultima che fa delle prossime elezioni regionali in Lazio una sfida avvincente tra due quote rosa.
Lo scontro tutto al femminile per decretare il successore di Piero Marrazzo se lo giocheranno Renata Polverini, candidata dal Popolo delle Libertà sette giorni fa e già sindacalista del gruppo UGL, e la stessa Emma Bonino.
Una scelta strategica, quella dei partiti opposti, che ben sapevano quanto sarebbe stato arduo candidare una figura maschile dopo quanto successo a Marrazzo e quanto scatenato nell'opinione pubblica.
Di qui la decisione di puntare su personaggi carismatici, ma in gonnella. Se per il Pdl si tratta del nuovo che avanza, per il Pd la Bonino è una mezza novità.
I Radicali, infatti, hanno corso al fianco del Pd nelle scorse elezioni politiche, ma mai la Bonino aveva avanzato una candidatura nelle file del partito di Bersani.
"L'assemblea regionale  - si legge nel documento votato dall'assemblea del Pd Lazio - sostiene con forza la candidatura di Emma Bonino alla guida del centrosinistra per la carica di presidente della Regione Lazio. Il Pd Lazio è impegnato nella costruzione di una larga e forte alleanza nel centrosinistra in vista delle prossime elezioni. Vincere a marzo 2010, dare al Lazio una guida e un governo forte e capace di affrontare nodi fondamentali dello sviluppo regionale: questi sono i nostri obiettivi”. 
       

Commenta Stampa
di Salvatore Formisano
Riproduzione riservata ©