Politica / Regione

Commenta Stampa

Zinzi (Udc): "serve un politico"

Regionali: Pd freddo su nome di D'Amato


Regionali: Pd freddo su nome di D'Amato
25/12/2009, 16:12

NAPOLI - Le primarie del Pd rischiano di diventare un vero e proprio rebus, sia perché non è ancora certa la data e sia perché i candidati ancora non si conoscono nel numero e di nome. Dopo le dichiarazioni di Pierferdinando Casini sulla proposta di D’Amato alla Regione fioccano le dichiarazioni degli esponenti del Pd. «Commentare l´eventuale candidatura di Antonio D´Amato? No, nessuno mi trascinerà sul terreno dei nomi, mentre il Pd sta seguendo la strada maestra del confronto sul programma e sulle idee, che deve essere preliminare alla scelta dei nomi», sottolinea il segretario regionale Pd Enzo Amendola, il quale critica apertamente anche il modo di porsi dell’Italia dei Valori che fissa troppi paletti e condizioni per una candidatura comune. Una risposta al´Idv che, ieri, aveva bocciato drasticamente le primarie di coalizione, affossando sia il nome di Vincenzo De Luca, sindaco di Salerno, sia quello dell´assessore regionale Ennio Cascetta. Ci si divide anche sul nome di D´Amato, che suscita qualche sorriso tra i bassoliniani. «Un imprenditore del suo rango, da sempre vicino al centrodestra, difficile che corra nell´altra metà di campo. Anche se è ormai nota la sua delusione per l´era berlusconiana». Luisa Bossa, parlamentare del Pd, oggi vicina al determinatissimo sindaco De Luca nella sua corsa per la candidatura alle regionali, è invece possibilista: «Il nome di D´Amato ricorre spesso nella riflessione politica, ma finora ha sempre scelto la prudenza – ricorda la Bossa -. Certo, se sul suo nome vi fossero convergenze, potrebbe diventare una scelta ragionevole. Ma dubito che l´Udc abbia già fatto una vera scelta di campo».Ma dal partito di Casini Zinzi esprime un giudizio sulle eventuali candidature alla presidenza della Regione: «I problemi della Campania sono politici e quindi vanno risolti con l’indicazione di candidature di personalità politiche, non tecniche».

 

Commenta Stampa
di Mario Aurilia
Riproduzione riservata ©