Politica / Regione

Commenta Stampa

La 29enne napoletana assicura che si candiderà

Regionali, per la Melito giovane c'è Mafalda Amente


.

Regionali, per la Melito giovane c'è Mafalda Amente
25/01/2010, 17:01

NAPOLI - Sguardo deciso e portamento fiero: la giovane Mafalda Amente, già donna più votata della Campania alle scorse provinciali per i collegi di Melito,Mugano e Villaricca con il simbolo dell'Udc e nipote del primo cittadino di Melito Antonio Amente (Pdl), annuncia di voler tentare il salto di qualità gettandosi nella mischia per le prossime regionali. Con quale partito correrà? Al momento, la farmacista 29enne da sempre interessata alla vita politica della sua città e della sua regione, non vuole sbilanciarsi ma sa già che la scelta potrà cadere solo su un partito tra l'Unione di centro e il Popolo delle libertà.
Alle scorse elezioni provinciali per il collegio di Melito, Mugnao e Villaricca, fu Pier Ferdinando Casini in persona ad indicarla come candidata e la giovane non riuscì ad essere eletta per un soffio; arrivando terza in ordine di preferenze e quinta per la percentuale riservata al suo partito (Udc).
Il passaggio dal centro al centrodestra è possibile ma per il momento non ancora certo. La sicurezza, però, riguarda la carriera e la considerevole "gavetta" che hanno caratterizzato il cammino politico di Amente.
Una lunga militanza le assicurò, nel 2007, la nomina a segretario cittadino del partito centrista e poi il tentativo alle provinciali con un programma basato su valori di tutela dell’ambiente, promozione della sicurezza stradale, rivalutazione delle periferie, creazione di nuovi sbocchi occupazionali, promozione delle pari opportunità e potenziamento dei trasporti.
In una selva di nomi e volti riciclati e spesso "rugosi", la candidatura di una ragazza dalla radicata esperienza territoriale e dai precisi obiettivi programmatici non può che essere accolta con positività; soprattutto in un territorio difficile e spesso vittima di giochi di potere che strizzano l'occhio a corruzione e deprimente gerontocrazia.

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©