Politica / Regione

Commenta Stampa

E così si completò lo sfascio del centrosinistra pugliese

Regionali, Puglia: La Poli Bortone con il Pdl e Pd nei guai


Regionali, Puglia: La Poli Bortone con il Pdl e Pd nei guai
03/01/2010, 15:01

BARI - Adriana Poli Bortone fuga ogni residuo dubbio e dichiara apertamente la sua appassionata "simpatia" per il Pdl. Da oltre un mese, infatti, il centrodestra pugliese solleticava la Poli Bortone e la tentava con avances fin troppo esplicite. Così oggi, la leader di "Io Sud", dopo esserne sfuggita poco tempo fa, riabbraccia con piacere la sua ex coalizione politica e dichiara infatti che "Con il Pdl che mi pare sinceramente interessato a rilanciare le tematiche meridionali mi sembra che ci sia uno spazio notevole per un’intesa". Insomma il nodo cordiano è sempre quello: "rilanciare le tematiche meridionali". Fino ad oggi, dunque, la coalizione guidata da Fitto si era dimostrata evidentemente poco sensibile ai problemi del mezzogiorno e quindi improponibile come alleato. Da oggi, però, come per magia, ci si riscopre tutti un po' più attenti al sud e quindi capaci di stringere una solida intesa. In realtà la Poli Bortone strizza l'occhio pure agli amici centristi; sostendo che "anche l'Udc, specie alla luce delle ultime vicende, abbia fatto le sue valutazioni". 
Le priorità per il territorio? Oltre a completare l'autosfascio della sinistra è opportunto ricordare "la velocizzazione dell’utilizzo dei fondi comunitari; con la garanzia che vengano investiti nel territorio con iniziative concrete e destinate a durare soprattutto in termini di lavoro, a differenza delle opere effimere degli anni scorsi".

Il definitivo allontanamento di Michele Emiliano, poi, unico uomo della provvidenza del centro-sinistra a poter garantire un dialogo con "Io sud", ha rappresentato l'altro colpo di grazia al Pd pugliese. Alla fine l'accordo sembra proprio che ci sarà, Pdl-Io Sud ed Udc unite contro il Partito Democratico per cercare di vincere e vivere, tutti ma proprio tutti, meridionalisti e contenti.

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©