Politica / Regione

Commenta Stampa

Iniziative a sostegno della crisi economico–finanziaria

Regione, approvata la mozione per lo sviluppo economico e occupazionale


Regione, approvata la mozione per lo sviluppo economico e occupazionale
09/11/2010, 14:11

NAPOLI, 9 NOVEMBRE 2010 – Il Consiglio Regionale della Campania, presieduto da Paolo Romano, ha approvato all’unanimità la mozione “Iniziative a sostegno della crisi economico–finanziaria in Campania” presentata dal capogruppo del Pd, Giuseppe Russo, per impegnare il Governo nazionale all’adozione del Piano per il Sud e per riunire il Consiglio regionale in seduta monotematica per discutere il piano regionale per lo sviluppo (su proposta del consigliere dell’Udc, Pietro Foglia).
Nell’introdurre la mozione all’attenzione del Consiglio, il capogruppo del Pd, Giuseppe Russo, ha sottolineato che “la crisi economica e sociale che ha colpito profondamente la Campania impone al Consiglio di esercitare un ruolo di primo piano nella definizione delle strategie per lo sviluppo del territorio e di assumersi la responsabilità delle scelte per risollevare le sorti del territorio”.
“La crisi occupazione ha colpito l’economia e la coesione sociale della nostra regione e sta determinando l’emorragia di ‘cervelli’, di competenze e di giovani, il nostro più grande patrimonio, verso altri Paesi – ha proseguito Russo, che ha aggiunto: “la nostra non è una critica di opposizione a prescindere nei confronti del Governo, ma la volontà di impegnare tutte le forze politiche per dare alla nostra regione il futuro che merita nell’ambito di un Piano per il Sud che consenta lo sviluppo armonico del Paese. Da questo Consiglio regionale deve partire una sollecitazione in tal senso – ha aggiunto Russo – chiedendo al Governo di adottare il Piano per il Sud e definendo un piano strategico regionale per lo sviluppo della Campania”, piano che Russo elenca nei punti fondamentali nella mozione: l’avvio di misure di premialità fiscali a favore delle imprese; la definizione di un piano per le infrastrutture; l’immediata assegnazione alla Campania delle risorse destinate dal Governo e non ancora trasferite; la dismissione del patrimonio regionale non strategico; la ricognizione dello stato di attuazione del piano di sviluppo regionale.
“Non è l’assenza fisica dell’assessore alle attività produttive che mi preoccupa, ma la totale assenze di politiche per lo sviluppo ” – ha denunciato il consigliere dell’Udc, Pietro Foglia. Per l’esponente della maggioranza “la mozione di Russo è fin troppo accondiscendente nei confronti dell’assenza di risposte da parte dell’assessore Vetrella nelle politiche per lo sviluppo e nel sostegno alle imprese che, faticosamente, cercano di sopravvivere sul nostro territorio. L’assessore Vetrella è unicamente impegnato sul settore dei trasporti – ha sottolineato Foglia – mentre i numerosi settori del Paser sono del tutto ignorati”. Per questo, il consigliere Foglia ha annunciato che voterà a favore della mozione solo se sarà integrata con un impegno a tenere un Consiglio monotematico sulle attività produttive e sullo sviluppo economico con la partecipazione dell’assessore Vetrella. Anche il capogruppo dei Popolari per il Sud, Ugo De Flaviis, ha stigmatizzato “l’assenza fisica e politica dell’assessore Vetrella sulle problematiche dello sviluppo” e ha sottolineato che “tutta la maggioranza deve interrogarsi su questo deficit politico e di governo”. “Esiste il momento in cui una forza politica della maggioranza può esprimere sfiducia nei confronti di un assessore e questo momento, per il nostro partito, si sta concretizzando” – ha aggiunto De Flaviis, che si è associato alla proposta di Foglia. In “difesa” dell’assessore Vetrella è intervenuto il presidente della Commissione regionale Lavoro e Attività produttive, Pietro Diodato (PdL), che ha evidenziato “l’importante e puntuale partecipazione dell’assessore ai lavori della Commissioni che offre un contributo sostanziale ai temi fondamentali che vengono trattati” e ha sottolineato che “il governo e la maggioranza regionale sapranno delineare il giusto piano strategico per far ripartire economia e occupazione in Campania”.
“Sono giuste le preoccupazioni espresse affinché la Regione possa attivare strategie e risorse per far fronte alla crisi e per avviare il rilancio socio economico della Campania” – ha replicato il consigliere del gruppo “Caldoro Presidente”, Giovanni Fortunato, che ha aggiunto: “la maggioranza e l’assessore competente devono impegnarsi sui problemi produttivi ed occupazionali della Campania, in sinergia con tutte le forze politiche, per dare futuro economico e occupazionale al nostro territorio; è questo – ha sottolineato – l’obiettivo fondamentale di questa maggioranza di governo, è il lavoro la sfida più grande del centro destra in Campania”.
L’esponente della maggioranza ha, quindi, espresso condivisione dei punti della mozione del capogruppo del Pd Giuseppe Russo e ha proposto una integrazione per la premialità di vantaggio a favore di quelle aree marginali della Campania a rischio di spopolamento, come il Sud del salernitarno.
Anche il capogruppo di IdV Edoardo Giordano ha sollecitato l’assessore Vetrella a partecipare ai lavori del Consiglio nell’ambito di una seduta monotematica “per fare il punto sulle iniziative messe in campo dalla Giunta per lo sviluppo socio economico”.
“Il tema sollevato da Russo e dai gruppi dell’opposizione merita tutt’altra attenzione da parte dell’assessore Vetrella ma anche da parte dello stesso presidente della Giunta” – ha detto il consigliere Gennaro Mucciolo (Pse), secondo il quale “occorre un confronto approfondito per promuovere una azione politica nei confronti del Governo nazionale e la mozione proposta va in questa direzione indicando una serie di azioni concrete per creare sviluppo e occupazione in Campania e nel Sud. Questo Consiglio regionale deve svolgere un ruolo di primo piano per promuovere lo sviluppo della Campania e del Sud nei confronti di un Governo che sembra sensibile alle sole istanze della Lega Nord”.
Nel concludere il dibattito, il consigliere Pietro Diodato (PdL) ha chiesto la cancellazione della mozione relativa agli ultimi due punti (l’istituzione di un’agenzia regionale per l’innovazione e l’alta formazione; l’istituzione di un’agenzia regionale per la internazionalizzazione del sistema economico regionale) “al fine di poter meglio approfondire le tematiche in vista del dibattito consiliare che si terrà sulle attività produttive”; la proposta ha registrato il parere favorevole del capogruppo del Pd Giuseppe Russo e, così, la mozione è stata approvata all’unanimità

Commenta Stampa
di redazione
Riproduzione riservata ©