Politica / Regione

Commenta Stampa

Regione, approvata PDL modifica regolamento caccia


Regione, approvata PDL modifica regolamento caccia
26/01/2011, 17:01

NAPOLI, 26 GENNAIO 2011 – Il Consiglio Regionale della Campania, presieduto dal vice presidente Antonio Valiante, ha approvato all’unanimità la proposta di legge per la “Modifica ed integrazione del Nuovo regolamento per la gestione degli ambiti territoriali di caccia” emanato con D.P.G.R. n. 626/2003 con allegati - Delibera GR n. 820/2010” con la quale si modificano i criteri di priorità per le iscrizioni dei cacciatori agli Ambiti territoriali di caccia, collegandoli alla anzianità della residenza anagrafica, al fine di agevolare e di garantire la trasparenza delle iscrizioni; la proposta di legge inserisce una percentuale dello 0,5% di riserva della disponibilità complessiva per iscrizioni giornaliere, per ciascun Ambito, a beneficio delle associazioni venatorie in proporzione della loro rappresentanza. Su questo tema, il consigliere della Destra Carlo Aveta ha proposto un sub emendamento per commisurare la quota di riserva in maniera paritaria per tutte le associazioni venatorie, ma è stato respinto con 36 voti contrari, anche a seguito dell’appello lanciato all’assemblea dal presidente della VIII Commissione, Pasquale De Lucia, per il quale “la proposta di modifica del regolamento proviene dal mondo venatorio e dell’associazionismo, che svolge un ruolo fondamentale nel settore, e che va considerato soprattutto in ragione della sua effettiva rappresentatività”; tema sul quale è intervenuta anche la vice capogruppo del PdL Daniela Nugnes per sottolineare che “la rappresentatività di tutte le associazioni venatorie sarà garantita in maniera paritaria nell’ambito della legge regionale sulla caccia che il PdL e l’intera maggioranza si ripromette di approvare facendo proprie le istanze di tutte le associazioni ed anche le indicazioni della legge nazionale”.

La consigliere Rosa D’Amelio (Pd) ha annunciato il voto favorevole del proprio gruppo e si è detta disponibile ad una riforma del settore venatorio.

Commenta Stampa
di redazione
Riproduzione riservata ©