Politica / Regione

Commenta Stampa

Le industrie ripartono, e si ricomincia a sperare

Regione Campania: timidi segnali di ripresa

Per crescere occorre prima risanare

.

Regione Campania: timidi segnali di ripresa
11/11/2011, 16:11

NAPOLI – “Si arresta il declino della Regione Campania che persiste ormai da anni e ci si avvia timidamente ad una ripresa”, ha dichiararlo è il Governatore della Campania Stefano Caldoro in una conferenza Stampa tenutasi presso a Sala giunta di Palazzo Santa Lucia. I chiari segnali si percepiscono anche dai recenti accordi che hanno visto le maggiori industrie con sedi in Campania,che non fermeranno i loro processi produttivi, infatti alla Fincantieri si continuerà a costruire barche grazie a nuove commesse, l’ Alenia si occuperà dell’ aeronautica civile mentre a Pomigliano la Fiat procede con la produzione della nuova panda. Grazie a tutto questo, posiamo iniziare a parlare di timida ripresa proprio mentre il Governo centrale si appresta a fare retromarcia. Il lavoro della attuale esecutivo Regionale è riuscito ad arrestare un fenomeno negativo che durava da anni, ma questo non è sufficiente si sta lavorando per approntare una strategia che aggredisca questo fenomeno alla radice. Mostrare positività e vitalità da parte delle industrie è la migliore arma da spiegare contro le difficoltà di carattere strutturale. La Regione Campania non si trova sul baratro più assoluto, ma anzi sta attraversando una metamorfosi che muove i primi passi per cui ad essere evidenziati sono più gli elementi negativi che quelli positivi. Per poter giungere nuovamente alla crescita bisogna prima risanare perseverando ancora nei sacrifici.

Commenta Stampa
di Antonio Sarracino
Riproduzione riservata ©