Politica / Parlamento

Commenta Stampa

Valiante: proposta di legge per le famiglie delle vittime

Regione, commissione anticamorra: vicini al territorio per contrastare l’illegalità


Regione, commissione anticamorra: vicini al territorio per contrastare l’illegalità
22/11/2010, 17:11

22 NOVEMBRE 2010 - La Commissione Anticamorra del Consiglio Regionale della Campania, presieduta da Gianfranco Valiante, si è riunita a Pollica, presso Castello Capano, per testimoniare la propria azione di contrasto alla criminalità organizzata e la propria vicinanza al territorio nel luogo in cui è stato ucciso il Sindaco, Angelo Vassallo, un efferato delitto, sul quale sta indagando la magistratura, che ha sconvolto la ridente cittadina del Cilento. Ai lavori della Commissione sono presenti la vedova e il figlio di Angelo Vassallo, che hanno ricevuto una targa a firma del Presidente del Consiglio regionale Paolo Romano, della commissione e dell'intera assemblea quale ringraziamento per l'amore per la propria terra dimostrato dal Sindaco Vassallo fino al sacrificio della vita. In ricordo del primo cittadino di Pollica, la Commissione ha osservato un minuto di silenzio e ha applaudito con commozione al suo operato volto alla legalità, all'amore e e allo sviluppo della propria terra. Ai lavori della Commissione partecipano il presidente Gianfranco Valiante, il vice presidente Angelo Marino, il vice presidente del Consiglio regionale, Antonio Valiante, il consigliere segretario, Gennaro Mucciolo, i consiglieri regionali Donato Pica, Eva Longo, Dario Barbirotti, Angela Cortese, Luigi Cobellis, il vice sindaco di Pollica, Stefano Pisani. "Avremmo voluto qui con noi il Sindaco di Pollica, che è stato protagonista del cambiamento di questo territorio, con l'amore per la propria terra, il rispetto della gente, la lotta contro l'illegalità - ha detto il presidente Valiante - ; siamo qui per testimoniare la vicinanza di quuesta commissione e dell'intero Consiglio regionale ai territori feriti dalla criminalità organizzata. Questa commissione intende mettere in campoo azioni concrete di contrasto al crimine e interventi di sostegno per i familiari delle vittime" - ha aggiunto Valiante, che, sul tema, ha annunciato la presentazione di una proposta di legge. "Il nostro Sindaco Vassallo era il nostro Maradona - ha sottolineato il vice sindaco Pisani - con lui le battaglie per la legalità e e per la crescita del nostro territorio erano sempre vincenti. E' fondamentale la vicinanza della politica e delle istituzioni al territorio - ha aggiunto - ed è fondamentale che la lotta alla criminalità venga portata avanti nella ordinarietà della funzione amministrativa e di governo". Per il vice sindaco di Pollica "occorre stringere il corridoio tra le istituzioni e il mondo dell'imprese facendo in modo che le procedure di appalto sia una occasione per le imprese sane ed oneste e che esse non vengano messe in difficoltà da mancanza di liquidità dovuta ai ritardi nei pagamenti da parte delle amministrazioni, un deficit che favorisce le imprese inquinate dalla criminalità" . Pisani ha, dunque, ringraziato la Commissione per l'attenzione dedicata a Pollica e ha invitato l'intero Consiglio a vigilare costantemente su tutto il territorio regionale per evitare infiltrazioni criminali.  "Politica e istituzioni siano vicine ai territori e contrastino la criminalità anche garantendo l'amministrazione sana ed ordinaria della cosa pubblica".E' quanto ha affermato il vice presidente del Consiglio Regionale della Campania, Antonio Valiante, intervenendo ai lavori della Commissione Anticamorra a Pollica.L'ex presidente della Regione Campania, legato da profonda amicizia al Sindaco di Pollica, Angelo Vassallo, vittima di un agguato criminale, ha sottolineato la vicinanza e la solidarietà dell'istituzione consiliare ma ha anche sollecitato tutte le forze politiche a compiere scelte e atti concreti per promuovere il contrasto della criminalità; una di queste scelte è la nomina del vertice dell'ente Parco del Cilento "che deve essere guidato dal rappresentante del Comune di Pollica e non divenire strumento di questa o di quella parte politica, soprattutto in una fase così delicata per il Cilento". Nel suo intervento, nel quale ha anche ricordato, con emozione, gli ultimi momenti dell'intenso rapporto politico e umano con Vassallo, Valiante ha anche sottolineato e chiesto la condivisione di tutte le forze politiche per una proposta di legge sulla dietra mediterranea dichiarata patrimonio universale dellumanità, come strumento di sviluppo della popolazione e del territorio, e per lo sviluppo energetico dei porti del Cilento, progetti che stavano a cuore al Sindaco di Pollica.

Commenta Stampa
di redazione
Riproduzione riservata ©