Politica / Regione

Commenta Stampa

Regione, passa la legge sui beni confiscati

All'inizio della seduta, alcuni consiglieri si incatenano

.

Regione, passa la legge sui beni confiscati
28/03/2012, 13:03

Ritornano le catene in consiglio regionale. La protesta questa volta è a sostegno dei forestali che da mesi non ricevono lo stipendio. L’iniziativa volta ad esprimere solidarietà e ribellione, da parte dai consiglieri del Pse e dell’Italia dei Valori, ai quali, si sono aggiunti in corso d’opera, anche esponenti del Pd e del Pdl. Nessuna programmazione per il comparto forestale, che da sei mesi vive nell’incertezza totale. Intanto, mentre all’interno del consiglio, si è cercato di ritornare all’ordine, dal Pdl e dal Pd, arriva un’iniziativa per scongiurare la chiusura del quotidiano Il Riformista, distribuendo una copia del giornale a tutti i presenti.  Dopo due ore di ritardo inizia finalmente la seduta di consiglio regionale. L’unica legge che si riesce ad approvare è quella sulla valorizzazione dei beni confiscati alla criminalità organizzata, votato all’unanimità. Il provvedimento dispone tre fondi, tra i quali uno dedicato al sostegno dei progetti sul riutilizzo dei beni. Non si riesce invece ad affrontare la discussione e la votazione sul rendiconto, così come suggerito dall’assessore al bilancio, Gaetano Giancane.

Commenta Stampa
di Maria Grazia Romano
Riproduzione riservata ©